Madonna Dei Miracoli

Mussomeli, la storia dell’immagine della Madonna sulla pietra del miracolo

Una nuova ricostruzione della storia dell’immagine della Madonna dei Miracoli, ritrovata dopo il miracolo del 1530, offre informazioni  e spunti molto interessanti.

L’immagine dipinta sulla pietra del miracolo in principio era diversa di quella visibile attualmente: la figura – secondo gli studi- era in piedi.

La riproduzione della Madonna dei Miracoli, raffigurata sulla pietra del miracolo ed ancora conservata nella cripta del Santuario, non  può che essere considerata un’alterazione dell’immagine originale, dovuta alla licenza artistica del Provenzano forse perché non si intravedeva più chiaramente i lineamenti dell’immagine primitiva che secondo la tradizione orale aveva i tratti bizantini.

“L’iconografia della Madonna – spiega il rettore don Leonardo Mancuso- presenta la Vergine sempre in piedi. Da qualche secolo  in qua è adorna, a fare da sfondo, del manto aperto e decorato  posizionata appunto nello sfondo quasi a volerla impreziosire. Nell’originale, nelle immagini più antiche, il Bambino è nudo e posto in avanti sul seno della Vergine che lo copre con  le sue mani. Quasi a ripetere con San Francesco D’Assisi:” Tu hai dato vestimento umano al Verbo di Dio che si è fatto carne”.

Gli studi confermati dal rettore don Leonardo Mancuso, affermano quindi che in principio l’immagine era ben diversa da quell’attuale. La figura della Madonna non si fermava alla cinta ma proseguiva.

Sono molti gli elementi che confermano la tesi. In primis l’effigie che campeggia sul prospetto del santuario, proprio sopra al grande portone centrale. In quell’ovale viene riprodotta la Madonna in piedi. Poi anche la scelta, negli anni successivi al miracolo, di realizzare la statua della Madonna (quella portata in processione prima dell’avvento della scultura lignea del Biangardi), e ovviamente anche qui maestosamente in piedi (e con il particolare delle scarpe rosse).

Padre Leonardo, con la preziosa collaborazione di Giuseppe Maria Spera e di Salvatore Catalano, forte della tecnologia e degli strumenti più moderni, ha fatto realizzare un video che è più di un’interpretazione filmica.

Si tratta di una straordinaria riproduzione storica.

La simulazione, visibile in questo video di pochi secondi, rende onore alla realtà e mostra come era all’origine il dipinto del miracolo. Un lavoro in laboratorio, realizzato dal bravissimo Salvatore Catalano, che offre un’immagine la più reale e veritiera possibile sulla Madonna in piedi. Sovrapponendo la Madonna del campanile a quella del masso appaiono reintegrati anche le parti ancora visibili dell’icona in piedi nonostante le picconature e le diverse traversie subite.

A riprova di quanto detto la Confraternita conserva un quadro della Vergine sempre ad opera del Provenzano che la dipinge in piedi ed avvolta nel manto stellato. Ancora, le mazze dei mazzieri della Confraternita, sempre del Provenzano, riportano da una parte la Vergine dei Miracoli in piedi e non seduta e dall’altra parte la Vergine del Rosario. La Madonna dei Miracoli era volgarmente detta nei tempi passati “La Madonna dei sette veli”. Questo perché avvolta nell’immagine originaria da tre mantelli considerando le sfumature di colore interne ed esterne più la veste,  totale fa sette.

ECCO IL VIDEO ESCLUSIVO CON LA RIPRODUZIONE FILMICA

Articolo precedente

Musei gratis in Sicilia, ecco l'elenco dei siti aperti il 2 settembre

Articolo successivo

Un'escursione per vivere le bellezze di Monte Carcaci

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *