Le Storie

“Ho insegnato agli americani a cucinare”. La “missione” di Annalisa Pompeo negli States

Annalisa Pompeo

Un’intervista ad una siciliana speciale.

Per raccontare la protagonista di oggi, molto cara a “I Viaggi di Cicerone”, aprirò con una frase di Mark Twain che, secondo me, la descrive perfettamente: “Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avrete fatto, ma di quelle che non avrete fatto. Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite“. Questo potrebbe essere il motto di Annalisa Pompeo che ho, spesso, definito “Wonder Woman” e oggi, pure, “Amazzone” dei nostri tempi che, con una dolce caparbietà, un sorriso che nasconde una forza sovrumana, una maternità che le si legge in volto e nell’amore con cui accoglie le nuove avventure, riesce a raggiungere sempre le sue mete. Potrei aggiungere che è la perfetta testimonial del nostro webmagazine perché è una viaggiatrice inside che esporta la Sicilia e le sue bontà, come in questo ultimo viaggio negli States, un altro suo luogo del cuore, oltre  Favara, la sua isola felice, in cui, nel 2013, è nata GoSicily, una meravigliosa e operosa realtà che si può definire in tre parole: cook, eat ed explore.

Annalisa Pompeo

Ma per chi ancora non lo sapesse, cosa propone Gosicily? Corsi di cucina siciliana a turisti che vogliono vivere da indigeni un’esperienza unica fatta di sapori, tradizione, comunità e Annalisa, da “Maestra” nell’arte della cucina, ha creato vari laboratori, tra cui quello del cavatello, la pasta tipica agrigentina fatta con farina di grano duro siciliano o con farina di tumminia; i biscotti fatti con olio extravergine di oliva, e non con burro. Annalisa ama deliziare i suoi fortunati ospiti, anche, con i feddri cu ll’ova, una squisita frittata di pane raffermo, con la cubaita, torrone di mandorle del Commissario Montalbano, di cui Sciascia scriveva: “Ci vuole il martello a romperla” e con il famoso agnello pasquale, specialità favarese che, ormai, non più soltanto un dolce di Pasqua, è fatto di pasta reale e pasta di pistacchi.

Annalisa Pompeo

Insomma, Annalisa fa penetrare i turisti nella sicilianità più bella che esporta ogni anno, nel mese di gennaio, negli States in cui, ormai, è attesa come una vera star dei fornelli, quale d’altronde è, per insegnare e far gustare le prelibatezze della nostra terra, amata dagli dèi e, a volte, profanata dagli uomini. Gli amici d’oltreoceano, grazie a questa meravigliosa giovane e appassionata donna, si sono sentiti dal 31 gennaio, e per quasi un mese visto che ritornerà in Sicilia il 20 febbraio, più siculi che mai e stregati dalla nostra terra.

Annalisa Pompeo

Dopo la prima settimana a New York city, Annalisa ha fatto un tour che ha avuto sempre il sold out e in cui ha incontrato tanti nuovi amici che l’hanno emozionata, come i bimbi della scuola di Lynda Bottone Pepe che hanno imparato, giocando, a fare i cavatelli e i cannoli o le tante associazioni di wine e food lovers che hanno definito l’esperienza di fare la pasta con lei, gioiosa e coinvolgente. Annalisa è stata, anche, ospite in diverse scuole di cucina per dare lezioni teoriche e, soprattutto, pratiche, sui cavatelli con i broccoli, sulle sfingi, sul pesto di pistacchio, sui peperoni ripieni e con ingredienti tutti rigorosamente siciliani. Eventi di grande successo che devono farci ricordare quanto siano importanti le piccole realtà per l’economia e l’immagine della nostra isola.

Annalisa dal 21 febbraio vi aspetta di nuovo nel suo quartier generale di Favara per coccolarvi e farvi innamorare della sua cucina.
Forza Annalisa e Viva GoSicily.

Articolo precedente

Settimana europea federiciana, un concorso dedicato alla Enna sveva

Articolo successivo

Guide turistiche alla scoperta di Caltanissetta. Un tour per promuovere la città

Giusi Patti

Giusi Patti

Mi chiamo Giusi Patti, ma sono anche la Dottoressa Pattin, Giuseisha e Patti Holmes. Una e tante. Mi definisco un "complesso", anzi un condominio di donne che coabitano pacificamente. La prima, l'originale, è laureata in filosofia; la seconda è una studiosa, specializzata in "uomini e donne d-istruzioni per l'uso"; la terza è una guru del sorriso e la quarta, infine, un'indagatrice. Tutte, proprio tutte, sono legate da un fil rouge che è l'amore per i viaggi fatti e in sognati, ma sempre conditi da miti e leggende. Chiedetemi e cercherò di soddisfare ogni vostra curiosità con pensieri parole opere e mai omissioni. Parola mia.

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *