Foto/VideoItinerari

White wall, un parco museo tra la Scala dei turchi e e il cielo

Ci sono tanti posti che visitiamo, tanti profumi che sentiamo, colori che vediamo e sensazioni che proviamo. Pochi, però, ce li portiamo dentro. Pochi luoghi si aggrappano ai nostri ricordi come muschio sugli alberi. Il parco museo e residenza per artisti White Wall è uno di questi. Gli elementi che ti stupiscono sono pochi, semplici, ma disarmanti. Una stradina che si addentra verso una scogliera a picco sul mare, un poggio alto dove la brezza marina ed il rumore della risacca ti inondano il cuore, uno spazio colmo di olivi le cui fronde sinuose si muovono allo stesso ritmo delle onde del mare, come ad essere un’unica cosa, la Scala dei Turchi, il lato meno frequentato, che spezza la perfezione dell’orizzonte, una delle viste più belle del mondo a pochi passi della città più bella dei mortali: Akragas.

Scala dei Turchi White Wall, a cura di Giuseppe Alletto con la collaborazione del critico Dario Orphée La Mendola, è un posto magico, uno di quelli che ti spiazza non appena ne varchi il confine. White Wall è un parco dedicato all’arte contemporanea, sito in aperta campagna e affacciato sul mar mediterraneo, un luogo pensato per far dialogare l’arte con il paesaggio, annesso con residenze per artisti, ospitati in appartamenti di proprietà della famiglia Alletto, affacciati in piazza Umberto I, a Realmonte.

Numerosi gli incontri promossi, numerosi gli apprezzamenti e numerose le partecipazioni di artisti del panorama artistico nazionale ed internazionale. Attraverso istallazioni colorate, tra gli alberi di olivo, shooting di moda, diverse esibizioni musicali si è data vita ad una comunità di amanti dell’arte, della natura e del bello.

Sono tante le novità che per quest’anno animeranno la programmazione del Wite Wall una fucina di idee che non si è mai fermata, ma ha riflettuto su se stessa per procedere meglio di come già fatto. Un nuovo logo, una veste grafica differente, più diretta e di impatto, il nuovo sito internet, numerose amicizie e contatti, come quella presentata tramite social con Trasversale Sicula o con il collettivo SottoSopra, che ha curato il nuovo logo e la veste grafica e numerosi i contatti con diverse realtà londinesi o con l’ Osteria dei Folli di Realmonte oltre a progetti per residenze di artisti. Un rinnovamento fisico e di idee che ha come fine la valorizzazione dell’arte e del paesaggio.

Una rivoluzione partita dalla mente di Giuseppe e Dario che ha come fine nobile l’educazione al bello, far rivivere uno spazio, un luogo, una città attraverso l’arte in tutte le sue forme.

White Wall è un’idea, prima che un luogo, che tutti dovremmo portarci dentro insieme alla vista mozzafiato che si può ammirare tra gli olivi, è un modo di vivere un luogo cercando di migliorarlo e migliorarsi attraverso l’incontro, l’amicizia, le risate e una “cultura del bello” che luoghi come questo ci aiutano a ricordare e a conoscere. Se siete da quelle parti, tra il barbaglio della marna bianca della Scala dei Turchi ed il tramonto che si scioglie nel mare, avventuratevi in contrada Canalotto a Realmonte e cercate il parco museo e reidenza per artisti White Wall, il vostro cuore vi ringrazierà.

Il Parco e/o le Residenze saranno fruibili solo con visite guidate e su prenotazione. L’accesso è vietato ai minori di 18 anni per ragioni di sicurezza. Per info: 3356826923  –   giuseppe.a_2006@tiscali.it

Articolo precedente

Milena, un'escursione per scoprire Monte Conca

Articolo successivo

Bronte: tra mito, storia, letteratura e gustose bontà

Domenico Pistone

Domenico Pistone

Domenico Pistone, non ama stare fermo a far nulla, è alla continua ricerca di cose che lo incuriosiscono, ama sorprendersi delle piccole cose, viaggiare leggere e disegnare usando gli acquerelli (che porta sempre con se). Ama la grafica ed il design, nel tempo libero si rilassa ridando nuova vita ad oggetti che altrimenti andrebbero gettati via, progetta borse e magliette, scrive per Landscape Architecture Network e cura la grafica e la comunicazione per vari associazioni ed enti. É un fermo sostenitore dell'associazionismo e credente convinto delle relazioni umane, molto "sociale" e poco "social".

É un Siciliano convinto ed amante della sua terra e del suo piccolo paesino del centro Sicilia. Coltiva uva, ama le lunghe passeggiate con il suo cane Loos.

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *