Eventi

Uprooted, Palermo ospita la mostra di Ramzi Harrabi dedicata al tema delle migrazioni

Con la mostra dell’artista, attivista e mediatore culturale tunisino Ramzi Harrabi, l’arte incontra il sociale e prova a raccontare con un nuovo linguaggio il tema delle migrazioni. Una varietà di opere che vanno dalla scultura alla pittura su tela e legno, faranno da cornice alla “barca dei miraggi”, un’installazione composta dagli oggetti ritrovati sui barconi dei migranti. Uprooted è l‘ultimo progetto pittorico dell’artista che ha esposto i suoi lavori, a partire dal 2003, in Italia, Tunisia, Polonia, Francia, Stati Uniti.

La mostra è approdata al Parlamento Europeo di Strasburgo, passando per l’università Niccolò Copernico di Torun, in Polonia. Uprooded è stata allestita al Festival di Sabir nell’ambito della Festa dei Popoli promossa da Migrantes Siracusa. Le opere resteranno in mostra fino al 6 gennaio 2019. Durante la sua permanenza l’esposizione sarà animata periodicamente da diverse attività: workshop per grandi e bambini, concerti, serate di poesia.

Durante la serata alla Casa della Cooperazione, dopo l’inaugurazione della mostra, verrà proiettato il documentario Da numero a persona di Anna Platania, una video-intervista che racconta l’artista tunisino, siciliano di adozione e per sfida, e le sue modalità creative e innovative nell’operare nel campo della mediazione culturale (guarda il trailer https://www.youtube.com/watch?v=U9vonJ_DQxY )

Seguirà un aperitivo accompagnato dalla chitarra e dalla voce del musicista Chris Obehi. Christopher Obehi nasce a Delta State (Nigeria), ma vive da diversi anni a Palermo. Ha collaborato con band afrobeat, high life e fuji music. Il musicista vanta diverse collaborazioni con artisti locali e non solo (da La Famiglia del Sud a Sandro Joyeux), la sua musica varia dai ritmi reggae alla musica tradizionale siciliana.

Ingresso riservato ai soci Arci.

Ramzi Harrabi. Poeta e cantante tunisino, è nato a Sousse (Tunisia), ma vive da diversi anni a Siracusa dove lavora presso diversi istituti come docente di Lingua e cultura Arabo-Islamica e di comunicazione interculturale. L’artista arabo si è esibito in numerose manifestazioni tra cui: Festival Sonica (Palermo) con la band catanese Ipercussonici, MedFest (Bucchieri, RG), ComPa di Bologna. Ha organizzato incontri con artisti di altre culture ed altre nazione, favorendo la cultura del dialogo. Tutto questo è sfociato nei due musical scritti e diretto da lui: L’Arabia confusa e Identità di Siracusa. Ha inoltre diretto sulle scalinate del Duomo di Siracusa il concerto dell’ 11 settembre 2004, con musicisti di tutti i continenti, e il concerto internazionale per la pace del 19 marzo 2005 in ricordo delle vittime del terrorismo e della guerra. Ha partecipato al concerto “Voglia di Pace” duettando con il soprano Katia Ricciarelli, al Teatro Odeon di Lentini (Sr). Sue poesie sono state premiate in concorsi a livello nazionale. Nel 2006 ha vinto il 2° Premio del Tindari European Festival e nel 2008 riceve una menzione speciale al premio Euromediterraneo per il dialogo interculturale. Nel 2008 e 2010 organizza le carovane artistiche Sicilia-Tunisia facendo dei mini tour con una band siculo-tunisina da lui diretta, promuovendo la fratellanza fra i due popoli. Si è esibito in vari luoghi di prestigio tra cui il Teatro greco di Siracusa, la villa romana di Piazza Armerina, il Teatro Biondo di Palermo, Piazza Venezia a Roma, lasciando sempre un segno unico ed un eco vibrante.

Christopher Obehi nasce nello stato del Delta, in Nigeria. Si avvicina al basso a nove anni ascoltando le note suonate da un ragazzo più grande di lui e si innamora a tal punto dello strumento da decidere si cominciare a prendere lezioni. Dopo anni di studio inizia a suonare con il gruppo della sua chiesa e da lì a poco collabora anche con band di afrobeat, high life e fuji music presenti nella sua città. Nel 2015 decide di intraprendere un lungo viaggio verso l’Europa con il desiderio di conoscere e suonare la musica contemporanea europea e per vivere una nuova esperienza. Sbarca a Lampedusa e dopo qualche mese viene trasferito in un centro di accoglienza a Palermo. Da questo momento Chris inizia a collaborare con diversi musicisti e partecipa anche a diverse jam session della città deliziando il pubblico palermitano con le sue improvvisazioni.

Info: casadellacooperazione@arcipalermo.it

Facebook: Casa della Cooperazione

Articolo precedente

Una giornata di trekking al Kratas, l'immensa rocca di Caltabellotta

Articolo successivo

A San Lorenzo Mercato il Lasagna Day, protagonista la pasta fresca di Bia delle Madonie

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *