ItinerariSettimana Santa in Sicilia

Trapani, la Settimana Santa e la Processione dei Misteri: una tradizione lunga più di 400 anni

La Settimana Santa a Trapani e’ dedicata alle “scinnute delle Madonne” che escono in processione.

Si parte martedì con la Madonna dei Massari, mercoledì con la Madre Pietà del popolo mentre venerdì, sempre nella chiesa del Purgatorio, ci sarà l’ultima scinnuta, quella l’Addolorata.

La Settimana Santa trapanese è certamente quella che vanta la maggiore tradizione nella stessa Provincia.

Madre Pietà dei Massari

Entrerà nel vivo il martedì Si comincia con la Processione della Madre Pietà dei Massari che dalla chiesa del Purgatorio. Percorrerà le vie del centro storico di Trapani per arrivare in serata a piazza Lucatelli. Qui, l’immagine della Vergine verrà posizionata dentro la cappella allestita ogni anno proprio davanti l’ex ospedale, per fare rientro in chiesa il giorno seguente.

Il mercoledì Santo, sarà la volta della Processione della Madre Pietà del Popolo, che uscirà dalla chiesa Maria Santissima Addolorata. La Madre Pietà del Popolo lungo il suo percorso, “incontrerà”, come di consueto, l’immagine della Vergine dei Massari. In questa occasione si svolgerà il rito dello scambio dei ceri, per poi rientrare ognuno nelle rispettive chiese.

Giovedì sarà il momento della Preparazione dei Sacri Gruppi dei Misteri. La cosiddetta “vestizione” con argenti, illuminazione e fiori per il tanto atteso venerdì santo.

Dopo il rito della Discesa della Croce, che avrà luogo presso la Chiesa Santa Maria del Gesù, si aprirà il portone della chiesa delle Anime Sante del Purgatorio per l’uscita della Processione dei Misteri.

La processione dei Misteri del Venerdì Santo

La ‘Processione dei Misteri’ si rinnova da circa 400 anni ed è forse uno degli eventi pasquali più antichi a livello nazionale. Si svolge dal 1600, con poche interruzioni, ogni Venerdì Santo.

Inizialmente i ‘Gruppi Sacri’ erano soltanto sei. Oggi, come già ricordato, se ne possono ammirare diciotto. Ogni singolo ‘Mistere’, espressione del raffinato artigianato trapanese, rappresenta una scena della passione di Cristo. Il più antico tra questi è l’Ascesa al Calvario.

La tradizione deriverebbe, per alcuni, dalla Spagna da dove fu importata nel XVI secolo. Le opere scultoree realizzate in tela, legno e colla poggiate su una base in legno vengono addobbate per l’occasione con composizioni floreali e oggetti in argento.

Dal pomeriggio del Venerdì Santo a quello del sabato Santo la folla si accosta al mistero della morte e risurrezione di Cristo. Per chi ha avuto modo di vivere l’esperienza dei ‘Misteri’ di Trapani o per i trapanesi è impossibile immaginare la città senza la Processione del Venerdì Santo.

Il Cristo Risorto in processione

La Processione dei Misteri si svolge ininterrottamente per quasi 24 ore. Alle 14.00 in punto del Venerdì Santo i ‘Sacri Gruppi’ escono dalla chiesa barocca del Purgatorio. Portati in spalla dai caratteristici ‘Massari’ o da giovani volontari, accompagnati dal classico suono delle marce funebri intonate dalle bande musicali, per poi snodarsi lungo un percorso che tocca le principali vie della città, per quasi 24 ore e senza interruzioni.

Sabato mattina è previsto il Rientro della Processione e poi domenica la Processione del Cristo Risorto che chiude definitivamente le celebrazioni Pasquali.

Francesco Mezzapelle

Articolo precedente

Pasqua nelle Egadi: un weekend a Levanzo e Marettimo

Articolo successivo

Fede e tradizioni in bianco e nero. La Settimana Santa di Mussomeli raccontata attraverso le immagini

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *