Le Storie

Il Teatro Andromeda diventa set di The Shameful Story

Il Teatro Andromeda al tramontoIl continente Sicilia, grazie all’incantamento che produce e all’enigmaticità che sprigiona, sta sempre più diventando il set prediletto della Settima Arte.

Questo è il caso del film “The Shameful Story”, “La Storia Vergognosa”, della regista Nella Condorelli che, tra le varie località siciliane scelte, ha inserito anche Santo Stefano di Quisquina e il Teatro Andromeda.

Questa creazione di Lorenzo Reina, dal sapore metafisico e immersa in un paesaggio in cui cultura e natura non sono dicotomiche, ma convergenti, evoca una terra danzante in atmosfere tanto cupe quanto soleggiate, una foglia verde dal gusto amaro, arida e feconda, sospesa tra Oriente e Occidente.

Nel film di Nella Condorelli centrale è il distacco che ogni partenza, desiderata o indotta, produce. Nel mondo di Lorenzo Reina, invece, si vive tutt’altra realtà. Il Teatro-Astronave, infatti, si muove lento verso Andromeda per un “ricongiungimento” che la scienza vede tra 40 milioni di anni e qui appare immediato.

Il Teatro Andromeda è una meravigliosa macchina dei sogni a cielo aperto. Un luogo che non poteva non fare innamorare la regista. Il suo “The Shameful Story”, “La Storia Vergognosa”, la cui uscita è prevista nel 2018. Narra il fenomeno dell’emigrazione attraverso le vite di Santa e Maria, due contadine che, alla fine dell’Ottocento, lasciano la Sicilia per andare nelle Americhe.

Figlie di un’esodo che ieri vide svuotarsi la Trinacria e oggi ripopolarsi con altri volti. Unomini e donne venuti da terre lontane, che invocano, però, la stessa promessa di vita.
Questo film, riconosciuto d’interesse culturale dal Ministero dei Beni culturali, è una produzione della “Factory Film Produzioni Indipendenti”. Prodotto nell’ambito del programma “Sensi Contemporanei” è promosso dall’Agenzia per lo Sviluppo Territoriale dal Mibact e dall’Assessorato Regionale del Turismo Sport Spettacolo-Sicilia Film Commission.

Articolo precedente

Scala dei Turchi, presto ampliamento del belvedere

Articolo successivo

Palermo apre le porte alla Biodiversità alimentare

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *