Eventi

Spiriti in Fermento, Caltanissetta ospita mostra in memoria del critico Mercadante

Le sale del Palazzo Moncada di Caltanissetta ospitano la mostra Spiriti in Fermento.

La collettiva di pittura e di scultura è curata da Salvatore Falzone ed Elisa Mandarà, in memoria di Antonio Mercadante, critico e storico dell’arte romano, per anni impegnato in Sicilia e scomparso prematuramente l’anno scorso a Sciacca.

Trentasei le opere esposte, dodici gli artisti, siciliani e romani, amati o scoperti da Mercadante: Salvo Catania Zingali, Giulio Catelli, Carmelo Giallo, Alessandra Giovannoni, Paolo Guarrera, Giovanni La Cognata, Sebastiano Messina, Vincenzo Nucci, Franco Polizzi, Ruggero Savinio, Vincenzo Scolamiero, Luciano Vadalà.

Chi era Antonio Mercadante? “Sono un critico -scrisse una volta – so scegliere di quale poesia voglio essere circondato, quale possorappresentare e difendere ogni volta che la riconosco e la incontro”. Era anche un direttore artistico, ovvero sapeva aiutare i poeti con cui aveva comprensione e consonanza a fidarsi del loro meglio, e a trarlo da sé: consapevole, tuttavia, che “è raro stabilire con un altro che tocca le tue cose più intime, quelle che riguardano tenere fibre di amor proprio, quella fiducia di comprensione che sempre aiuta a vedere di più, magari per confermarsi nella propria idea, magari per aprirla a quello sbocco lì prossimo e che sembrava invece lontanissimo”. “Io ci credo- confessava – questa è la mia vita”.

Critico e storico dell’arte, specialista di pittura italiana del Novecento, Antonio Mercadante si era formato alla scuola di Simonetta Lux e di Corrado Maltese nell’Università di Roma, come informa una nota biobibliografica trovata tra le sue carte.

Era stato lo stesso Mercadante a ideare nel 2017 la rassegna Spiriti in fermento, rilanciando l’idea del collega francese Laurent Danchin di nominare un’arte “post-contemporanea” per liberarsi dall’egemonia della dizione arte “contemporanea”, escludente ed elitaria.

La selezione dei lavori in mostra nel capoluogo nisseno, “Piccola Atene” al centro del Mediterraneo, illustra il senso dell’operazione culturale: esaltare la bellezza di un mondo che cambia attraverso la pittura e la scultura, linguaggi primigeni dell’espressione umana che tuttavia, per dirla ancora con Mercadante, sono “tendenzialmente esclusi dal sistema che agevola l’accesso ai media, alle sale espositive dei musei, alle rassegne internazionali, al mercato borsistico finanziario, forza trainante dalla quale dipende in gran parte la gestione dell’arte contemporanea”.

L’iniziativa è organizzata dal gruppo editoriale Archinet diretto da Salvatore Schembari, che cura anche la pubblicazione del catalogo pubblicato da Salarchi Immagini, dalla Fondazione degli Archi di Comiso e dall’associazione nissena Creative Spaces. A Roma, intanto, è stata inaugurata lunedì scorso la mostra Paesaggi Umani (20 maggio-2 giugno), anch’essa dedicata ad Antonio Mercadante, curata da Walter Angelelli, Francesca Bottari e Stefano Petrocchi: nella Sala Colleoni dell’Accademia di Belle Arti di via di Ripetta dove, il 31 maggio, verrà presentato anche il volume-catalogo: Paesaggi umani. Antonio Mercadante, i suoi scritti e i suoi artisti.

La mostra resta aperta da martedì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.

Visite guidate tutti i sabati pomeriggio dalle 17 alle 20 (gradita la prenotazione) – possibili visite guidate nelle altre giornate al raggiungimento di numero minimo 10 persone, previa prenotazione.
Per info e prenotazioni: email: creativespaces@libero.it, tel: 3472701600 – 3275396202, www.facebook.com/events/457971224745684.

 

Articolo precedente

Fede a folklore, a Casteltermini la "travolgente" Sagra del Tataratà

Articolo successivo

Il 2 giugno tutti su un treno storico alla scoperta della Valle dell'Alcantara

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *