Foto/VideoItinerari

La classifica delle spiagge più belle della Sicilia (secondo noi)

La Sicilia è bella tutta.

Ancora più bella quella della costa e delle tante piccole e grandi isole che la cingono. Ma ci sono spiagge, calette, angoli della regione davvero unici, di una bellezza sconvolgente.

“Lo sviluppo complessivo delle coste siciliane supera i 1000 km di lunghezza. La costa settentrionale tirrenica si estende da Capo Peloro, nei pressi di Messina, a Capo Lilibeo vicino a Marsala e si presenta generalmente alta e frastagliata. Procedendo da Messina verso Trapani si incontrano il promontorio di Capo Milazzo proteso verso l’arcipelago eoliano ed il Golfo di Patti chiuso verso occidente da Capo Calavà e da Capo d’Orlando. La costa prosegue pressochè rettilinea fino a Cefalù dove si apre il Golfo di Termini Imerese separato dai Golfo di Palermo da Capo Zafferano. Capo Gallo costituisce l’estremità occidentale del suddetto golfo. Giunti ormai a poche decine di chilometri da Trapani si incontra il Golfo di Castellamare, profondamente inciso e delimitato ad est da punta Raisi ed a ovest dal pronunciato promontorio di Capo S. Vito.

Da Trapani a Marsala si snoda il breve tratto di costa occidentale dell’isola. Il paesaggio costiero muta repentinamente rispetto alle alte scogliere dell’ultima parte della costa settentrionale, presentandosi basso e monotono. La costa meridionale della Sicilia mantiene questa connotazione morfologica lungo tutto il suo sviluppo meridionale fino a Capo Passero, estrema propaggine sud-orientale dell’isola. Blande insenature interrompono la linearità della costa presso alcuni tra i principali centri costieri come Mazara del Vallo. Sciacca e Gela posta al centro dell’omonomo golfo, compreso tra Licata e Marina di Ragusa. (Fonte: www.sicicilyweb.com)

Ecco la nostra guida con le otto spiagge più belle nelle quali vale la pena metterci i piedi una volta nella propria vita.

Salina, spiaggia Pollara
La spiaggia di Pollara si estende sotto una ripida scogliera a forma di anfiteatro, caratterizzata da un litorale di sassi e ghiaia scuri. E’ uno dei luoghi più affascinanti di tutte le Eolie, a nord vi è la baia “Balate”. All’insenatura si accede tramite una ripida scalinata che attraversa la casa ormai denominata del Postino, in cui fu ambientato l’omonimo film.
« 1 di 8 »

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedente

Al Giardino della Kolymbethra la Community Farm Fest

Articolo successivo

Dallas in Prizzi in concorso al Taormina Film Fest

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *