Sapori

Dove si produce vino c’è meno disoccupazione

Laddove si produce vino, 407 i Comuni associati alle “Città del vino“, ci sono più laureati e diplomati e soprattutto più lavoro.

Nei borghi e nelle comunità del vino il tasso di disoccupazione è di circa 3 punti più basso della media nazionale. E’ quanto emerge da “Le Città del Vino ai raggi X, “Libro Bianco” su sviluppo e prospettive dei Comuni a vocazione vinicola presentato al Campidoglio, insieme al presidente del Friuli Debora Serracchiani, alla cerimonia del trentennale dell’associazione. Uno spaccato rurale di società italiana, dover risiede l’11,7% della popolazione nazionale e dove si consuma meno territorio, dove spesso la cementificazione trova un argine nella vigna.

A spingere l’occupazione, a detta dei 407 sindaci, anche l’enoturismo.

Tra il 2007 e il 2015 i servizi e le strutture turistiche sono in la crescita esponenziale: più 99% contro il 28% del dato italiano.

“Siamo un modello per ripensare il Paese”, ha sottolineato il presidente delle Città del vino Floriano Zambon, sindaco di Conegliano. I più importanti Comuni italiani a vocazione vitivinicola sono tutti Città del Vino.

Barolo, Barbaresco, Marsala, Montalcino, Montepulciano, Scansano, Conegliano, Valdobbiadene, Pantelleria, solo per citare i più noti.

“Nei luoghi con una forte identità – ha aggiunto Zambon – si vive meglio, c’è più lavoro, la qualità della vita è più alta. La vite e il vino sono due elementi attorno ai quali si può ripensare una comunità”.

E all’indomani del primato italiano di nazione più sana al mondo nella classifica ‘Bloomberg Global Health Index’ su 163 Paesi, le Città del vino si qualificano come luoghi del buon bere e buon mangiare con un ricco paniere di qualità certificata (291 tra Dop, Igp e Stg) e tradizionale (circa 5.000 piatti e Pat iscritti all’Elenco Nazionale del Mipaaf).

Articolo precedente

Ora legale, più luce e meno incidenti per i vostri viaggi

Articolo successivo

Attenti alle spalle! Dal 9 al 16 aprile Prizzi apre le sue porte alla Morte ed ai Diavoli

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *