Borghi

Pollina fa la festa alla manna, il nettare degli dei

Arriva sabato 25 agosto a Pollina, nelle Madonie, l’edizione numero 31 della Sagra che celebra la Manna, il nettare degli dei, tra arte, enogastronomia, cultura e ambiente.

Un appuntamento imperdibile per chi vuole riscoprire gli antichi sapori contadini e perdersi tra i vicoli dello spettacolare centro storico di Pollina.

Tutto pronto per il programma.

Si comincia alle 17,30 con la benedizione della piantine di frassino da destinare ai nati dal 28 febbraio 2017 al 25 agosto 2018 in piazza Duomo. A seguire, alle 19, apertura degli stand degustativi, con assaggi di piatti tipici dolci e salati alla manna. Gli stand si trovano nel centro storico.

Il ticket per le degustazioni costa 3 euro.

Alle ore 21, al teatro Pietra Rosa, lo spettacolo folkloristico a cura del gruppo Viginti Myllis di Lascari.

LA MANNA

La manna è la linfa estratta dalla corteccia di alcune specie di piante del genere frassino. Arbusto tipico dei boschi intorno Pollina.

È un prodotto tipico siciliano, come tale è riconosciuto e rientra nell’elenco dei prodotti agroalimentari della tradizione stilato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

La manna è riconosciuta come Presidio Slow Food ed è per questo motivo che assieme ai frassinicoltori è stato redatto un disciplinare di produzione che ne garantisce la qualità e la provenienza.

POLLINA

Pollina è un comune di 2.986 abitanti della provincia di Palermo e fa parte del Parco delle Madonie.

Il comune di Pollina comprende i centri abitati di Pollina e  Finale. La maggioranza della popolazione residente nel comune di Pollina è situata a Finale.

Lo sviluppo turistico di Pollina cominciò negli anni ’70. A dare un impulso la costruzione del Teatro Pietrarosa su progetto dell’architetto Foscari. Costruito sulle linee del teatro greco, in teatro all’aperto è stato ricavato da una roccia dolomitica dal particolare colore metà rosato e metà bianco, da cui il nome.

Sito internet: http://www.comune.pollina.pa.it

 

Articolo precedente

Vini olio e musica, a Licata una notte di gusto alla Cantina Quignones

Articolo successivo

Due giorni di trekking nel Canyon di Cava Grande di Cassibile

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *