Itinerari

Pasqua nelle Egadi: un weekend a Levanzo e Marettimo

Un viaggio naturalistico nelle Isole Egadi. Un weekend a Levanzo e Marettimo nel fine settimana di Pasqua. A curare il tour l’organizzazione Artemisia.

Levanzo è la più piccola tra le isole dell’arcipelago delle Egadi (5 kmq di estensione) ha coste rocciose e in gran parte poco accessibili. Il numero di abitanti piuttosto basso ha consentito all’isola di mantenere un certo grado di naturalità e a conservare circa 400 specie vegetali, soprattuto rupestri. Il luogo più sorprendente dell’isola è la Grotta del Genovese, sulle cui pareti sono state scoperte, nel 1949, figure a incisione del paleolitico e figure dipinte del neolitico. Le incisioni e le pitture della grotta hanno arricchito il panorama di conoscenze sull’arte preistorica europea.

L’aspetto paesaggistico più gradevole di Marettimo, l’isola delle Egadi più lontana dalla costa, è la diffusa copertura del suolo da parte di piante arbustive mediterranee. Non le piante erbacee annuali, che in Sicilia sono spesso il risultato della trasformazione millenaria della gariga in pascolo o seminativo. A Marettimo, come in vaste aree della Sardegna e della Corsica, la diffusa presenza di arbusti perenni mantiene il paesaggio verde anche in estate. I colori della gariga mediterranea, con l’aggiunta dei suoi aromi, dominano insieme al blu e al rumore del mare. Cinque specie vegetali sono endemiche esclusive di Marettimo. Tra queste una piccola apiacea rupestre: il Bupleurum dianthifolium Guss., che probabilmente aveva in passato areale piu’ esteso e oggi si trova confinato in pochi esemplari sulle rupi del Monte Falcone, m 686, la cima più alta dell’isola. Marettimo si è separata dalla Sicilia, per innalzamento del livello del mare, circa 600.000 anni fa. Dai Greci fu chiamata Jiera (falco) ed è la più verde, la meno antropizzata, la più montuosa delle isole Egadi. La costa occidentale presenta imponenti pareti calcaree a strapiombo sul mare e numerose grotte.

Programma

Venerdì 19 aprile: Raduno dei partecipanti a Piazzale John Lennon (ex Giotto) a Palermo alle ore 6,30 e partenza con auto proprie per Trapani. Imbarco in aliscafo per Levanzo alle ore 8,20. Arrivo previsto alle ore 9.05. Dopo aver lasciato i bagagli al bar vicino al porto, partenza a piedi lungo il sentiero costiero verso i faraglioni e alla Grotta del Genovese. Visita guidata della Grotta e rientro a piedi lungo sterrata. Nel pomeriggio passeggiata a Cala Mennula. Alle 15.40 oppure alle 18.20 aliscafo per Marettimo, L’arrivo è previsto in 25 minuti. Sistemazione in BB ed in appartamenti in stanze doppie e/o triple. Cena e pernottamento. Scheda tecnica: lunghezza percorso km 8 circa, dislivello complessivo m 300 circa.

Sabato 20 aprile: Dopo la prima colazione, partenza a piedi per Monte Falcone (m 686) con discesa a Punta Troia. Colazione al sacco. Rientro in paese in pomeriggio (possibilità di rientrare con servizio barca-taxi). Cena e pernottamento. Scheda tecnica: lunghezza percorso (andata e ritorno): 8 km circa, dislivello: m 700 circa;

Domenica 21 aprile: Dopo la prima colazione, partenza per escursione alle Case Romane e Semaforo (500 m s.l.m.), discesa verso Punta Libeccio e Faro, con possibilità di bagno a Cala Nera. Rientro lungo sterrata forestale. Cena e pernottamento. Scheda tecnica: lunghezza circa km 12, dislivello complessivo m 700 circa(compresa la salita lungo la strada del ritorno).

Lunedì 22 aprile: Prima colazione e partenza per escursione a Punta Bassana (183 m s.l.m.). Discesa verso Cala Marino con possibilità di fare bagno. Chi lo desidera potrà effettuare, se le condizioni meteo lo consentono, il giro in barca dell’isola. In pomeriggio, ripresi i bagagli, partenza in aliscafo per Trapani alle ore 16.30 con arrivo previsto alle ore 17.50. Rientro a Palermo in auto in serata.

Quota di partecipazione: €250 comprensiva di tariffa aliscafo, tre cene, tre pernottamenti con prime colazioni, ingresso alla grotta del Genovese e quota Artemisia.

Per informazioni Artemia, Via Serradifalco, 119 ­ 90145 Palermo. Tel 3403380245 E­mail: info@artemisianet.it; Sito: www.artemisianet.it

Articolo precedente

Agrigento, un copione antichissimo per celebrare i riti della Settimana Santa

Articolo successivo

Trapani, la Settimana Santa e la Processione dei Misteri: una tradizione lunga più di 400 anni

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *