Sapori

Monreale capitale del pane buono: Sanlorenzo Mercato celebra la tradizione del forno del borgo

Una storia d’amore senza fine quella tra Monreale e la tradizione del forno, che ormai ha consacrato lo splendido paese palermitano come la patria del pane buono, ma anche dei suoi derivati: focacce, schiacciate, sfincione.

Così, domenica 10 febbraio a Sanlorenzo Mercato si celebra questo primato con una postazione speciale arricchita di prelibatezze di altissimo livello, proprio da uno dei più prestigiosi forni del territorio, Ai Sapori Di Un Tempo, che porta le sue celebri “scacciate”, la “faccia di vecchia” e lo sfincione, serviti caldi. Ma anche goloserie dolci: i tipici biscotti “a S”, i buccellati misti e le monacali.

 Cipolla, pomodoro, olio buono, formaggio fresco. Sono pochi e poveri gli ingredienti dei prodotti da forno monrealesi, ma tanto è bastato nel tempo per affermare un attaccamento ai sapori genuini di una volta, che resistono al passare degli anni e che sempre di più parlano del territorio monrealese come fossero veri e propri monumenti alla memoria e all’identità del luogo. Tanto che la Comunità Europea ha riconosciuto il pane di Monreale come Prodotto Agroalimentare Tradizionale d’italia, ottenuto rigorosamente da sola semola di grano duro e cotto a legna dentro gli antichi forni in pietra.

L’antico forno a legna “Ai sapori di un tempo” è uno di questi. Affonda le sue radici nel lontano 1950, quando nasce per l’operosità̀ della “Za Vicinzina” nella frazione monrealese di Pioppo. Da sempre il grande forno in pietra viene riscaldato per dare forma ad un croccante e profumatissimo pane, il tipico pane di Monreale. Da allora, anche attualmente, si porta avanti è una ricerca continua e una altissima selezione sulle materie prime: farina di grano duro siciliano, farina di tumminia e majorca molita a pietra. Da qui nascono i più golosi prodotti da forno salati, ma anche una vasta gamma di dolci: i buccellati, i cedrini, gli arancetti, le reginelle, i tradizionali biscotti di Monreale, i finissimi taralli.

Il forno ha collaborato negli scorsi anni anche con Alimentiamo la Vita, Fiera della Biodiversità, Expo2015, StreetfoodFestival2105, Taormina Gourmet 2017.

Articolo precedente

Da Monte Ruvolo a Monte Minardo, trekking lungo il sentiero del Piano delle Ginestre

Articolo successivo

Sulle tracce del Commissario Montalbano. Prima tappa tra i luoghi della fiction

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *