EventiLe Storie

“Il mio corpo fiorisce da ogni vena”. Un viaggio onirico al Teatro Mediterraneo Occupato

Sabato 6 aprile, alle 21, al Tmo (Teatro Mediterraneo Occupato) va in scena “Il mio corpo fiorisce da ogni vena“, l’alchimia dei corpi nella danza e nella musica con Mara Rubino e Benedetto Basile. Un’azione-studio sul corpo, il cui sviluppo ripercorre la forma mandalica, liberamente ispirato al Libro Rosso di Jung, ma anche un viaggio onirico, un cammino interiore alla scoperta del sé più profondo.

C’è tutto questo nello spettacolo di danza e musica, diretto, realizzato e interpretato da Mara Rubino e Benedetto Basile, che andrà in scena, come anteprima, repetita iuvant, sabato 6 aprile alle 21 al Tmo Teatro Mediterraneo Occupato (via Martin Luther King, 6, Padiglione 1, Fiera del Mediterraneo), a Palermo. Musiche originali di Benedetto Basile, costumi di Ricchezza Falcone, luci a cura di Claudia Borgia. Si tratta di un’azione performativa site specific, che indaga il corpo come forma in cui l’Io si manifesta, una forma non scelta consapevolmente, nel quale l’Io stesso si trasforma continuamente. Corpo, attraverso il quale l’io conosce, percepisce, si definisce: uno slancio verso la libertà dell’essere la propria coscienza. Attraverso l’osservazione di se stessi, si scoprono mondi di opposizioni espresse nel conflitto danzato delle parti del corpo che subisce una disgregazione della forma, che nel processo di trasformazione alchemica, riportata anche da Jung, corrisponde al primo stadio dell’evoluzione, la cosiddetta Nigredo. Questa crisi, la perdita di ogni riferimento, dà luogo alla morte di tutto ciò che era e il corpo si trasforma, si purifica, attraverso un flusso di visioni e suoni che corrisponde nella visione alchemica alla fase dell’Albedo.

Il corpo si esprime attraverso l’immaginazione attiva nel movimento danzato, un dialogo continuo con la musica che intesse nuovi propositi, suggerisce, come la figura di un mago, strumenti nuovi per indagare e divenire in sé: ”Siamo fatti della stessa materia delle stelle”. Il corpo abitato e manifesto dialoga, quindi, con i luoghi in cui viene accolto, indaga lo spazio, lo attraversa e si fa attraversare, diventa trasparente a sua volta, rivela, nel movimento, la memoria del luogo, si carica di nuove suggestioni, entra in risonanza con le superfici e i suoni che lo abitano. La motivazione all’agire, la poetica, il racconto, si trasformano, creando una relazione consapevolmente evocativa, che ogni volta condiziona il divenire della partitura, dando origine a nuovi confini, nuove drammaturgie, nuovi flussi emozionali, reinventando l’architettura e la natura: il corpo, quindi, si ricompone, ritorna verso il centro come nella fase della Rubedo. Qui il corpo fiorisce, s’interseca, diviene spazio e suono.

Mara Rubino, danzatrice, coreografa, laureata in scienze motorie, insegnante del metodo pilates e feldenkrais. Fondatrice della compagnia Alkera, con la quale si esibisce con spettacoli di teatro di figura in vari festival nazionali, prodotti da Anna Farinella. Dirige insieme a Rosi Pirrone il centro danza In Punta di Piedi a Palermo, realizza varie performance di danza urbana, collabora come performer con Curva Minore di Lelio Giannetto e Teatro Potlach di Pino di Buduo. Come regista ed interprete crea vari spettacoli per festival e rassegne teatrali nazionali.

Benedetto Basile (flauto traverso), diplomato in flauto presso il Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo, si è perfezionato presso l’Accademia Internazionale di Novara (docenti Glauco Cambursano e Maurizio Valentini) e presso l’Accademia Italiana del Flauto di Roma (docente Nicola Mazzanti). Vincitore di numerosi premi in concorsi nazionali e internazionali, ha collaborato, fra gli altri, con il Teatro Massimo di Palermo, l’Orchestra del Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo e l’Orchestra Filarmonica di Palermo.
Ingresso con contributo di 7 euro. Per info e prenotazioni scrivere a info@tmopalermo.it.

Articolo precedente

Palermo, torna la Domenica Favorita: visite guidate e musica al Parco reale

Articolo successivo

Fiera nautica spazio mare. A Mondello esperti del settore, espositori ed eventi

Giusi Patti

Giusi Patti

Mi chiamo Giusi Patti, ma sono anche la Dottoressa Pattin, Giuseisha e Patti Holmes. Una e tante. Mi definisco un "complesso", anzi un condominio di donne che coabitano pacificamente. La prima, l'originale, è laureata in filosofia; la seconda è una studiosa, specializzata in "uomini e donne d-istruzioni per l'uso"; la terza è una guru del sorriso e la quarta, infine, un'indagatrice. Tutte, proprio tutte, sono legate da un fil rouge che è l'amore per i viaggi fatti e in sognati, ma sempre conditi da miti e leggende. Chiedetemi e cercherò di soddisfare ogni vostra curiosità con pensieri parole opere e mai omissioni. Parola mia.

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *