Le Storie

Le Eolie raccontate dai grandi registi. I film che hanno reso celebri le sette sorelle

Oggi la vostra Patti Holmes vi accompagna in un excursus da appassionata cinefila che toccherà le Eolie, isole da “settima arte”.

Il nostro viaggio si intreccerà con il cinema. Vi porterò a visitare i magnifici set che hanno scelto, come palcoscenico naturale, le sette sorelle adagiate nel mare. Soprattutto Salina.

Non posso che partire da due indimenticabili film: “Vulcano” di William Dieterle, prodotto dalla “Panaria Film” del Principe Francesco Alliata e uscito nelle sale il 2 febbraio 1950, con la straordinaria Anna Magnani. E poi “Stromboli (terra di Dio)” di Roberto Rossellini, anch’esso uscito nel 1950, con la bellissima Ingrid Bergman.

Le due pellicole, girate contemporaneamente, ebbero grande eco internazionale perché la protagonista di Stromboli, in un primo momento, doveva essere Nannarella. L’attrice stava vivendo una tanto appassionata quanto tormentata storia d’amore con Rossellini che un giorno, però, ricevette una lettera che gli avrebbe cambiato il corso della vita:

«Caro Signor Rossellini, ho visto i suoi film Roma città aperta e Paisà e li ho apprezzati moltissimo. Se ha bisogno di un’attrice svedese che parla inglese molto bene, che non ha dimenticato il suo tedesco, non si fa quasi capire in francese, e in italiano sa dire solo ‘ti amo’, sono pronta a venire in Italia per lavorare con lei. » (Ingrid Bergman)

Il regista, colpito da questa dichiarazione, con grande nonchalance non solo regalò il ruolo che era della Magnani alla Bergman ma, grazie alla presenza della star, strappò “Stromboli” alla Panaria, che doveva produrlo, per farselo finanziare dalla Rko, Major cinematografica statunitense.

Renzo Avanzo, che aveva condotto le trattative con la Panaria, non si arrese e servendosi di Anna Magnani mise in piedi una nuova produzione, chiamando a dirigerla il già citato William Dieterle.

Si verificò così il caso, piuttosto anomalo, di due film girati in due set non lontani l’uno dall’altro e con un soggetto pressappoco identico. Il triangolo amoroso tra il regista e le due attrici, che appare come un film dentro il film ed è passato alla storia come “la guerra dei vulcani”, ha dato il titolo all’omonimo documentario girato nel 2011 da Francesco Patierno che permette di ripercorrere una vicenda che tanto incuriosì le cronache internazionali.

Altro capolavoro è “L’avventura”, film di Michelangelo Antonioni con Lea Massari, Monica Vitti e Gabriele Ferzetti.

Soggetto al cui centro è la misteriosa scomparsa di Anna, che resterà insoluta, durante una sosta sull’isolotto deserto di Lisca Bianca, appartenente all’arcipelago eoliano.

Avviciniamoci ai giorni nostri e facciamo tappa al laghetto salato di Salina che nel secondo episodio di “Caro Diario” di Nanni Moretti, intitolato “Isole”, lambisce il campo di calcio dove il regista si diverte a palleggiare. Ma in questo film, in cui Moretti interpreta se stesso in una sorta di diario aperto, come suggerisce il titolo, sono sfiorate quasi tutte le sette perle del Tirreno.

A “Lipari”, ad esempio, abita l’amico Gerardo; a “Salina” va a trovare una coppia di amici di Gerardo con evidenti problemi nel gestire l’educazione del figlio, viziato e teledipendente. Mentre a “Stromboli”, si materializza un sindaco megalomane che vorrebbe coinvolgerlo nei progetti più strani. A “Panarea” fugge da due animatrici di eventi per spostarsi, con lo stesso aliscafo, ad “Alicudi”, la più “selvaggia”, finalmente l’isola che cercava.

Altro ciak e ci ritroviamo sul set de “Il postino” di Michael Radford, ricordato per essere stato l’ultimo film di Massimo Troisi.

Qui protagonista assoluta è la baia di Pollara. Ospitata in mezzo ad un cratere, è un angolo di paradiso sul cui costone appare la famosa casa rosa del poeta Pablo Neruda, interpretato da Philippe Noiret, verso cui arranca in bicicletta il postino del titolo, innamorato perdutamente di una giovanissima Maria Grazia Cucinotta, incarnazione della bellezza mediterranea.

Anche Sergio Castellitto, alla sua prima regia, sceglie Salina, e precisamente la costa rocciosa tra Capo Faro e Malfa, per girare alcune scene della commedia nera a sfondo surreale “Libero Burro” che ci mostra una Torino bella e oscura a cui fa da contraltare una Salina abbagliante.

L’antica Didỳmē, eletta “a furor di film” come la più cinematografica delle Eolie, è pure il palcoscenico naturale di “Amaro amore”, opera prima di Francesco Henderson Pepe, che racconta la storia di André e Camille, due fratelli provenienti dalla Bretagna, che si troveranno a sperimentare la diffidenza del mondo isolano nei confronti della loro curiosità.

Infine ancora Salina e il suo mare, solcato da una tartana dalla vela rossa, sono i protagonisti del film-documentario di Giovanna Taviani “Fughe e approdi” del 2011.

La regista, figlia di Vittorio e nipote di Paolo, giganti del cinema italiano, torna negli stessi luoghi del set di Kaos, che vide l’ultima magistrale interpretazione di Franco e Ciccio.

La curiosità è che proprio Giovanna è la bambina che, nella scena finale del film, con la madre e le sorelle lascia le isole Eolie per ricongiungersi a Malta con il padre, eroe risorgimentale fuggito dalla repressione borbonica. E qui le “Fughe e gli approdi” del titolo trovano il loro “fil rouge” nel pescatore che ieri, in Kaos, interpretava il ruolo del marinaio che la conduceva altrove e oggi quello di colui che le permette di ri-approdare sulle stesse terre in cui girarono il padre e lo zio che si abbandonano, per fortuna, solo per finzione cinematografica.

La vostra Patti Holmes vi saluta con un cinematrografico “Ciak si gira”.

Articolo precedente

Mazzarrone, una sagra nella capitale italiana dell'uva da tavola

Articolo successivo

Vini siciliani, il Gambero Rosso premia i migliori

Giusi Patti

Giusi Patti

Mi chiamo Giusi Patti, ma sono anche la Dottoressa Pattin, Giuseisha e Patti Holmes. Una e tante. Mi definisco un "complesso", anzi un condominio di donne che coabitano pacificamente. La prima, l'originale, è laureata in filosofia; la seconda è una studiosa, specializzata in "uomini e donne d-istruzioni per l'uso"; la terza è una guru del sorriso e la quarta, infine, un'indagatrice. Tutte, proprio tutte, sono legate da un fil rouge che è l'amore per i viaggi fatti e in sognati, ma sempre conditi da miti e leggende. Chiedetemi e cercherò di soddisfare ogni vostra curiosità con pensieri parole opere e mai omissioni. Parola mia.

1 Comment

  1. Andrea
    7 settembre 2017 at 12:43 — Rispondi

    Isole di Moretti il mio preferito, coglie bene le differenze delle varie Eolie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *