Foto/Video

Fede e tradizioni in bianco e nero. La Settimana Santa di Mussomeli raccontata attraverso le immagini

Una miriade di scatti.

Scatti tutti esclusivamente in bianco e nero, perche’ in alcuni casi, come la Settimana Santa a Mussomeli, l’assenza del colore confluisce pathos alle immagini. Il nostro fotografo, Salvatore Catalano, ha voluto raccontare una delle più famose ed importanti Settimane Sante siciliane, quella di Mussomeli. Armato della sua macchina fotografica, ha immortalato i volti e le espressioni di chi partecipa ad un rito collettivo il cui fascino non sembra scalfito dal tempo.

La Settimana Santa di Mussomeli è un rito centenario che si fonda sulle tradizioni del borgo di origine medievale. Unaa settimana ricca di eventi che mostrano il lato più autentico di una Sicilia che deve essere ancora scoperta dai più.

In questa occasione le cinque confraternite si alternano nel ricorrersi della liturgia.

Particolarmente emozionante è il momento della crocifissione. Un’aurea funesta cala nella piazza più grande della città, Piazza Umberto I, dove è il calvario. la crocifissione di Cristo si rivela come un momento di raccoglimento e devozione. Nel silenzio più assoluto.

Nel pomeriggio del venerdì si vive appieno la Passione. Il cristo crociffisso è in compagnia dell’Addolorata, della Veronica e di San Michele fino al momento della deposizione.

Sceso dalla croce, Gesù viene deposto nella Urna. Lettiga che per la pregevole fattura artigianale diviene il mezzo per la resurrezione del figlio di Dio.

La domenica di Pasqua si ha invece la tradizionale Giunta. I tre santi, che prima vegliavano il corpo di Cristo, si incontrano danzando portati a spalla dai tre angoli della piazza.

Una Settimana Santa unica!

 

Articolo precedente

Trapani, la Settimana Santa e la Processione dei Misteri: una tradizione lunga più di 400 anni

Articolo successivo

Gli impressionisti a Catania, fino a domenica in mostra i capolavori della pittura en plein air

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *