Eventi

La “Pasqua in fiore” di Castellammare del Golfo

Castellammare del Golfo si anima A festa in vista della Pasqua.

Alla luce del successo riscosso dai mercatini di Natale e della Festa della Cioccolata nel centro storico del paese, l’associazione Commercianti 4 Canti organizza, da giovedì 13 a domenica 16 aprile, “Pasqua in fiore. Una manifestazione che si preannuncia già un successo.

Artigiani, pasticceri, laboratori, fiori e tanti colori classici della primavera illumineranno gli stand del paese. L’evento sarà una manifestazione incentrata sulla cultura, sulla tradizione siciliana e sul divertimento. Non mancheranno concorsi, animazione per grandi e piccini, laboratori di decorazione, degustazioni e tanto divertimento. Tra corso Mattarella e corso Garibaldi, proprio in zona “quattro canti”. Un grande uovo indicherà l’inizio del percorso nella zona pedonale. La Pasqua in Fiore vede circa 31 attività distribuite in diverse casette di legno che saranno aperte mattina e pomeriggio, dalle 10,30 alle 13 e dalle 17 alle 22. Negli stand ci saranno prodotti gastronomici tipici, con esposizione nelle casette, intrattenimento musicale, laboratori e animazione per i bambini.

Castellammare nasce come Emporium Segestanorum e fino all’arrivo degli Arabi la sua storia si identifica con quella della città elima. Questi, agli inizi dell’800, diedero alla città il nome di al-madariğ, “le scale”, nome che sembra derivare dalla scalinata che dalla parte più alta del bastione fortificato conduceva al porto. Sono gli arabi a realizzare il primo nucleo del “castello a mare” poi ampliato dai Normanni. L’edificio fortificato venne edificato su di uno sperone di roccia a ridosso del mare e collegato alla terraferma per mezzo di un ponte levatoio ligneo. Castellammare diviene importante fortezza dei Normanni prima, degli Svevi poi e centro di battaglie fra Angioini e Aragonesi.

L’abitato, oltre il castello, ha nel suo tessuto urbano diversi edifici di pregio storico e culturale. Palazzo dei Crociferi, antico convento. E poi le diverse chiese sparse per il centro storico.

Articolo precedente

PASHKËT, La Pasqua di Piana degli Albanesi

Articolo successivo

Enna e la sua Settimana Santa: la più bella d'Italia

Erika Diliberto

Erika Diliberto

Nata a Bologna, figlia di un carabiniere, ha cambiato più volte casa e “pelle”. Ha collaborato con diversi blog e con il Giornale di Sicilia. Dedica il proprio tempo libero alla sua famiglia più che speciale composta da marito, quattro cani, tre canarini e cinque gatti! Detesta i termini ambientalista o peggio ancora animalista. “Sono solo una donna che apprezza la vita e che la rispetta in tutte le sue forme, dalla più piccola alla più grande”. Adora far lunghe passeggiate all'aria aperta accompagnata dai suoi quattro zampe, al caos predilige di gran lunga il silenzio e le persone che sanno ascoltare più che parlare. Ama la sobrietà e la semplicità d'animo anche nella scrittura. D’altronde la sua citazione preferita è dello scrittore russo Isaak Babel: "Non c'è ferro che possa trafiggere il cuore con più forza di un punto messo al posto giusto".

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *