News

La Cina è vicina: la Sicilia sogna l’arrivo dei turisti di Pechino

Programmazione, comunicazione ma anche nuovi contatti istituzionali e nuovi canali. E’ questa la strategia su cui si muoverà l’azione di governo del neo assessore siciliano al Turismo Sandro Pappalardo il quale ha partecipato a Venezia alle iniziative per l’Anno del Turismo Ue-Cina2018. “

Turismo vuol dire programmazione, comunicazione e servizi e su questi aspetti si concentrerà la mia azione di governo – ha detto – Ma ora più che mai è fondamentale stringere accordi e aprire nuovi canali”. Secondo Pappalardo, la Sicilia deve “imparare a realizzare strategie di marketing in grado di veicolare l’immenso patrimonio turistico in nostro possesso, al fine di incrementare i flussi in entrata. In particolare punteremo sulla formazione di percorsi alternativi promuovendo un turismo sostenibile, avendo grande cura della valorizzazione dei nostri splendidi borghi e dei nostri siti Unesco”.

Due giorni durante i quali l’assessore ha partecipato ad un confronto sulla cooperazione turistica tra l’Italia e la Cina e alla firma di un protocollo per l’interscambio turistico tra i due governi.

“Finalmente – ha aggiunto – la Regione siciliana torna protagonista in uno dei settori che più le si addice per caratteristiche storiche, culturali e paesaggistiche: il turismo. La presenza a Venezia, nel corso della firma di un accordo così importante, mi ha permesso di stringere contatti con svariati tour operator cinesi e imprese pubbliche e private del settore. Gli operatori cinesi hanno mostrato grande interesse per la Sicilia e per le bellezze della nostra Regione e abbiamo avviato una interlocuzione programmatica per creare nuovi percorsi e aprire un canale di collegamento tra l’Oriente e la nostra isola. Il mercato cinese – ha concluso Pappalardo – in fortissima espansione economica, può rappresentare una risorsa in termini di presenze turistiche per la Sicilia e il protocollo instaurato tra i due governi agevolerà senz’altro l’incremento dei flussi”.

Articolo precedente

Palermo capitale della cultura, centinaia di eventi per un anno da non perdere

Articolo successivo

Tutti in carrozza per Sant'Agata. Raggiungere Catania in treno è più facile (e conveniente)

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *