Borghi

Il Consorzio Turistico Valle dei Templi visiterà il Borgo più bello d’Italia

Cresce l’interesse per Sambuca di Sicilia, anche a seguito del prestigioso riconoscimento di “Borgo dei Borghi 2016”.

In seguito alla pioggia di richieste di informazioni su Sambuca di Sicilia e sulle possibilità e modalità di visita, il Consorzio Turistico Valle dei Templi ha deciso di promuovere una visita guidata riservata agli operatori del settore, anche se non appartenenti al Consorzio. L’appuntamento è per il pomeriggio di domenica 12 marzo su iniziativa del vice presidente del Consorzio, Claudio Castiglione. L’itinerario è realizzato con la collaborazione dell’Ufficio Cultura e Turismo di Sambuca di Sicilia.

Nel corso della visita gli operatori turistici potranno conoscere in modo approfondito le bellezze e le attrattive del “Borgo dei borghi”.

Il quartiere arabo, dove proprio in questo mesi un imprenditore del settore sta ristrutturando 30 immobili per dare vita all’albergo diffuso. E poi i numerosi monumenti. Il Teatro comunale che risale all’Ottocento, il museo dove sono custoditi i reperti dell’area archeologica di Adranone ed il vicino lago Arancio. Ma anche le cantine e le aziende agroalimentari del territorio che proprio la settimana scorsa hanno dato vita al Biodistretto dei Borghi Sicani.

Il Borgo

Tanti stili si sono intrecciati e di tante epoche Sambuca è testimone e ne conserva i segni. Sul monte Adranone sorge il complesso archeologico del IV secolo a.C. e l’antico casale arabo nell’area di villeggiatura. Facciate barocche e palazzi dell’Ottocento si mescolano ad una centro storico di origine araba le cui espressioni più vive sono li setti vaneddi (sette vicoli saraceni). La chiesa della Matrice e il terrazzo Belvedere, resti dell’antico castello dell’Emiro. Importanti anche il seicentesco palazzo Panitteri (nei pressi del Museo etno-antropologico), il palazzo dell’Arpa (sede del Municipio) e il palazzo Ciaccio. La chiesa del Carmine con la statua marmorea di scuola gaginiana della Madonna dell’Udienza, Patrona di Sambuca di Sicilia. E poi la chiesa di San Michele Arcangelo con il fercolo equestre in legno di San Giorgio che trafigge il drago. Segno di una popolazione attenta alla cultura è il teatro comunale L’Idea e l’Istituzione Gianbecchina.

Fuori dal centro storico, rimangono le antiche torri di Pandolfina e Cellaro e il fortino di Mazzallakkar del quale emergono le torri nei soli mesi estivi quando il livello del Lago Arancio si abbassa.

(Fonte: ANSA).

Articolo precedente

Anche l'Italia ha festeggiato San Patrizio accendendo di verde i suoi gioielli

Lorenzo Reina, il creatore del Teatro Andromeda
Articolo successivo

Lorenzo Reina, il pastore alchimista che scolpisce le stelle

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *