Sapori

Gusta la pecora, a Santa Ninfa un’imperdibile festa dei sapori

Terza edizione di “Gusta la pecora” in programma domenica a Santa Ninfa, borgo del Trapanese, all’interno della cornice della piazza Libertà e delle vie limitrofe.

La manifestazione è volta a valorizzare e promuovere le eccellenze enogastronomiche locali a base di pecora, le lavorazioni artigianali e le risorse turistiche del territorio di Santa Ninfa, organizzata dal Comune, con il patrocinio dell’Unione dei Comuni del Belice, della Rete Museale e Naturale Belicina.
Santa Ninfa, nota per l’ottima salsiccia locale, e i suoi prodotti tipici, oltre che per le risorse naturali e artistiche, è ancorata alle tradizioni culturali. La storia del piccolo comune del Belice, ferita dal sisma del ’68, è sempre stata incentrata sui valori come la copoperazione e l’imprenditorialità ed è strettamente legata alle tre maggiori attività che raccontano la Sicilia nel mondo: l’allevamento, la tradizione olivicola e quella vitivinicola, con eccellenze note ed apprezzate a livello internazionale.

La manifestazione è rivolta a tutti, bambini, famiglie e anziani alla ricerca di produzioni agroalimentari a base di pecora come arrosticini, stigghiola, pecora bollita e arrostita, primi piatti con ragù di agnellone e pecora, cous cous, zuppe, cannoli e cascatelle, sfinciuna, zabbina, formaggi, agli appassionati dell’enogastronomia locale e dei metodi di produzione tradizionali, dell’artigianato creativo, nonché a giornalisti e operatori del settore.

Si potranno anche visitare i musei del centro belicino come il Museo della preistoria, il Museo dell’emigrazione, il museo di Nino Cordio, il museo della riserva della Grotta di Santa Ninfa. In programma anche un laboratorio di mungitura per bambini oltre che uno spazio per gonfiabili e giochi. Faranno da cornice musiche e danze del folklore siciliano e tante altre iniziative.
PRENOTAZIONI e INFO (anche per Camper ed espositori): 0924 992202 – 992233

Articolo precedente

Futuroscopio, a Palermo una mostra che racconta le periferie dell'America Latina

Articolo successivo

A piedi alla conquista di Pietra Nera, tra San Biagio Platani e Santo Stefano Quisquina

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *