BorghiSapori

A Graniti che bonta! Arriva la sagra della ciliegia

Graniti, piccolo borgo della valle dell’Alcantara in provincia di Messina, celebra le ciliegie con “Ciliegiando”, che è più che una sagra.

Dall’8 al 10 giugno ritorna il tradizionale appuntamento dedicato al frutto. Previste esposizioni e degustazioni di prodotti tipici  oltre alle visite guidate dal Museo Mazzullo e del Centro storico. E durante il percorso si potranno visitare i Presepi del quartiere.

Ciliegiando nasce nel giugno 2011 da un’idea di Luigi Circello che, in occasione della sagra delle ciliegie del Comune di Graniti (edizione 2011), ha voluto contribuire coniando il termine “ciliegiando” e realizzando il logo e il sito web ufficiale della manifestazione.

Verrà allestito un vero e proprio villaggio della Sagra delle Ciliegie in Piazza Manganelli, centro della manifestazione. Nel villaggio oltre alle gustosissime ciliegie, tante le specialità locali come il panino con la salsiccia alla brace, il miele della Valle Alcantara e altre prelibatezze come la pasta di olive nere e l’imancabile vino tipico di Graniti.

Tutto il paese di Graniti lavora con entusiasmo, a vario titolo, per la buona riuscita dell’evento. Lavorano dietro le quinte, sono quelli che se non ci fossero bisognerebbe inventarli. La manifestazione, senza il loro prezioso contributo, non avrebbe il successo che ha. Ne fanno parte, autisti, hostess, addetti alle pulizie, addetti alla sicurezza, manutentori, ristoratori, agricoltori, commercianti.

IL BORGO

Il paese si trova ad un’altitudine di 300 metri sul livello di mare. Dista circa 15 chilometri dal mare e sorge nella valle del torrente Petrolo, affluente di sinistra del fiume Alcantara. Il paese nacque nel ‘600 attorno ad un casale voluto dal conte di Taormina dell’epoca ma ebbe il suo maggiore sviluppo nell’800. Il nucleo più antico dell’abitato fu costruito in contrada Roccachiacchiera, dove vi sono ancor oggi case con stipiti in pietra scolpita a mano risalenti ai primi anni del XVIII.  Nell’abitato vi sono tre chiese: la principale è dedicata a San Basilio Magno, un’altra a San Sebastiano, patrono del paese che si festeggia la prima domenica di agosto, e una terza che è collegata ad un convento di suore francescane dedicata a San Giuseppe.

Articolo precedente

Sambuca di Sicilia, un b&b d'artista in Palazzo museo

Articolo successivo

Ccà semu, il documentario di Luca Vullo su Lampedusa presentato al Festival CinemAmbiente di Torino

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *