Eventi

Per gli amanti della fotografia , Catania ospita il “Med Photo Fest”

Ancora per pochi giorni Catania ospita la nona edizione del “Med Photo Fest”, il festival internazionale dedicato alla fotografia d’autore, dal 5 al 28 maggio. Tutti gli appassionati ed i simpatizzanti dunque non possono fare a meno di partecipare ad un evento unico nel suo genere come il “Med Photo Fest”. Il Festival (visualizza il programma), organizzato dall’associazione culturale Mediterraneum, diretta da Vittorio Graziano, dal critico e storico della fotografia Pippo Pappalardo e dal fotografo Massimo Gurciullo, a cura di Agata Petralia, presenta un ricco cartellone di mostre personali di fotografi provenienti da diversi paesi del mondo, esposte al pubblico 5 al 21 maggio, con ingresso gratuito. Il Festival è stato inaugurato lo scorso venerdì 5 maggio presso il complesso culturale Le Ciminiere, con la consueta consegna del Premio Mediterraneum per la Fotografia d’Autore, quest’anno assegnato al fotografo Francesco Cito. La manifestazione è arricchita da una serie di incontri dedicati all’editoria, come le presentazioni dei volumi fotografici “Istanti di luoghi” di Ferdinando Scianna, “Ultima Sicilia” di Giovanni Chiaramonte e “Il Fotografo e lo sciamano” di Dario Coletti. Immancabili, come in ogni edizione, i workshop e i seminari culturali e tecnici, con la partecipazione di illustri esponenti della comunicazione visiva e fotografica. Saranno presenti gli italiani Francesco Cito, Ferdinando Scianna, Graziano Perotti, Ilaria Abbiento, Roberta Baldaro, Emanuela Minaldi, Salvo Alibrio e gli stranieri Sinawi Zen Medine, Isabelle Serro e Patrick Bar (Francia) Matic Zorman (Slovenia), Antigone Kourakou (Grecia), Clara Abi Nader (Libano), Gabi Ben Avraham (Israele), Marta Altares Moro (Spagna) e Samet Ergün (Turchia). Le fotografie in mostra ci inviteranno a riflettere sulle nostre origini, su tutto ciò che è nato lungo le sponde del Mediterraneo, Mare nostrum.

Articolo precedente

Luoghi storici più apprezzati in Europa, San Pietro ed il Duomo di Milano nella top 10

Articolo successivo

La "locanda", sinonimo di accoglienza per lo spirito ed il palato

Erika Diliberto

Erika Diliberto

Nata a Bologna, figlia di un carabiniere, ha cambiato più volte casa e “pelle”. Ha collaborato con diversi blog e con il Giornale di Sicilia. Dedica il proprio tempo libero alla sua famiglia più che speciale composta da marito, quattro cani, tre canarini e cinque gatti! Detesta i termini ambientalista o peggio ancora animalista. “Sono solo una donna che apprezza la vita e che la rispetta in tutte le sue forme, dalla più piccola alla più grande”. Adora far lunghe passeggiate all'aria aperta accompagnata dai suoi quattro zampe, al caos predilige di gran lunga il silenzio e le persone che sanno ascoltare più che parlare. Ama la sobrietà e la semplicità d'animo anche nella scrittura. D’altronde la sua citazione preferita è dello scrittore russo Isaak Babel: "Non c'è ferro che possa trafiggere il cuore con più forza di un punto messo al posto giusto".

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *