News

Farm, dissequestrate le opere. E al cortile Bentivegna si festeggia

Tornano libere le installazioni della Farm Cultural Park di Favara. La Procura della Repubblica di Agrigento ha disposto il dissequestro dei beni. E per l’occasione, per festeggiare il provvedimento dei giudici della città dei Templi, per stasera alla Farm è prevista una festa in grande stile dall’inequivocabile nome:  “Festa del dissequestro“.

Come si legge negli atti ufficiali il provvedimento è stato dichiarato nullo dal momento che “non vi sono ragioni che giustifichino un sequestro probatorio, essendo già stati acquisiti mediante foto e annotazioni di servizio tutti gli elementi valutativi delle condotte contestate, ferma la sussistenza di eventuali vincoli di tipo amministrativo”. Secondo l’atto di dissequestro è stata rilevata la “mancanza di commissione di reato”.

“Siamo contenti che gli organi predisposti abbiano posto fine a questa ingiustizia – afferma intanto Andrea Bartoli -. Siamo grati al sindaco Anna Alba, da sempre aperto al dialogo per la risoluzione della vicenda. Si è trattato di un vero caso di abuso di diritto“.

Il notaio- mecenate non si esime dall’esprimere un’amara considerazione: “Noi siamo la Farm e in quanto tale abbiamo addirittura mosso petizioni e stampa nazionale – continua Bartoli – . Ma se non fossimo stati la Farm e non avessimo avuto l’opinione pubblica a favore, da singoli cittadini non so se il caso si sarebbe risolto allo stesso modo.

Articolo precedente

Palio dei Normanni, a Piazza Armerina i suoni e le antiche atmosfere del medioevo

Articolo successivo

Treni storici in Sicilia, un viaggio in carrozza alla scoperta del Barocco e della Valle dei Templi

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *