Sapori

Expocook, 130 aziende della ristorazione protagoniste alla Fiera del Mediterraneo

Tutto pronto per Expocook 2019 .

La kermesse dedicata al mondo della ristorazione e dell’hospitality,  con oltre 130 aziende su 20.000 mq di spazi espositivi,  sta per  riaprire  i battenti della Fiera del Medierraneo di Palermo,  riportando  in vita questo luogo, tanto caro ai palermitani.

Dal 26 febbraio al 1 marzo, andrà, infatti,  in scena l’“evento più cook dell’anno”, che porterà nel capoluogo siciliano il top di ciascun  settore connesso all’ambito ristorativo e alberghiero.  

Si tratta  di un format unico nel suo genere pensato dagli organizzatori   Fabio Sciortino, Francesco Fontana e Francesco Lipari, come un evento mai realizzato prima d’ora in Sicilia per consentire a tutti gli addetti ai lavori e operatori di settore di individuare potenziali clienti  e buyers in incontri B2B  e B2C creati ad hoc per consentire la nascita di nuove sinergie e collaborazioni.
Non solo Food&Beverage quindi, ma anche, e soprattutto, tutte le aziende del circuito che gira intorno alla ristorazione,  dal designer e progettazione all’arredo di interni ed esterni,  dalle attrezzature e utensileria all’abbigliamento da lavoro, dai sistemi informatici di cassa alla gestione lavoro, dalla consulenza ai finanziamenti,  dall’hotellerie e l’attività ricettiva.

Vera protagonista di Expocook è, e sarà sempre, la Sicilia, terra ricca di profumi, sapori, tradizioni, storia, arte e cucina, che grazie ad iniziative come questa , ricevono la giusta attenzione e il giusto risalto.

Più di 130 le aziende che hanno attualmente aderito all’iniziativa, il cui numero è in continuo aumento. Tanti i momenti dedicati alla conoscenza delle materie prime e alle metodologie di cottura tra cooking showtavole rotonde, dibattiti e interventi dei professionisti del settore come chefpizzaiolibartender  campioni di mixology, campioni di latte artcaffetteriamaestri pasticceri e gelatieri il cui filo conduttore è divulgare l’importanza della qualità delle materie prime utilizzate e la valorizzazione delle risorse del territorio attraverso una filosofia sempre più rivolta ad una sana alimentazione e alla genuinità e tracciabilità dei prodotti locali.

 

Articolo precedente

Alla scoperta di Monte Guastanella a Santa Elisabetta, il Machu Picchu Sicano

Articolo successivo

Turismo, la Sicilia in vetrina: alla Bit i tesori dell'Isola

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *