Itinerari

Dalla Scala dei Turchi a Palazzo Adriano, tre giorni di trekking sui Sicani

Un lungo weekend dedicato al trekking nella zona dei Sicani: il venerdì riservato a conoscere la Scala dei Turchi, mentre sabato e domenica al Parco dei Sicani. Proprio l’ultima giornata inizierà con una visita e la degustazione preso la Cantina Di Giovanna, per continuare nel pomeriggio a Palazzo Adriano.

Ad organizzare l’iniziativa Ciaotrekking.

“I Sicani” quinta area naturale protetta della Sicilia,è stata istituita quale Parco Regionale il 19 dicembre del 2014. Il patrimonio storico-culturale ed eno-gastronomico del Parco dei Monti Sicani è notevole, considerati i dodici comuni che ne fanno parte, la cui biodiversità diventa una vera e propria ricchezza, che può essere valorizzata attraverso una integrazione delle particolarità di ognuno di essi. Il compito dell’istituzione Parco è quello di creare una sinergia tra loro che possa produrre uno sviluppo sostenibile del territorio, rilanciando l’agricoltura e il turismo. L’alloggio per chi parteciperà al fine settimana è stato scelto nelle vicinanze di Burgio, in un agriturismo immerso nel Parco dei Monti Sicani.

Quota per la partecipazione è di 50 euro, e comprende servizio di guida, assicurazione RCT e organizzazione.

Altre spese sono di 125 euro, e comprendono pernottamenti in una tenuta locale con sistemazioni in camera doppia e tripla, cene, colazioni, pranzi a sacco di sabato e degustazione di vini la domenica.

Ritrovo: venerdì 23 novembre alle ore 07:15 Bar Bruscè, parcheggio Rifornimento Esso. Alle ore alle ore 07:45 SS 514 al Rifornimento Lukoil Contrada Coffa. Oppure alle ore 10:00 Bar Agorà, Villaggio Mosè Agrigento. L’escursione si concluderà domenica alle 16,30 a Palazzo Adriano.

Attrezzatura necessaria: abbigliamento da trekking invernale, mantella da pioggia, zainetto, scarponi da trekking, bastoncini, torcia, cappellino, maglione, giacca impermeabile e 1,5 litri d’acqua.

Guida: Salvatore Marletta – salvatoremarletta@ciaotrekking.com – 3334987946

Articolo precedente

I 60 anni del Gattopardo, Agrigento celebra il capolavoro di Tomasi di Lampedusa

Articolo successivo

Il "Linguaggio mafioso", in un libro di Paternostro l'analisi del codice verbale degli uomini di Cosa nostra

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *