Le Storie

Il concorso internazionale “Città di Castrovillari” premia Roberto Franco, geologo umanista gangitano

Cari lettori, oggi, la vostra Patti Holmes vi accompagna in un prestigioso premio letterario per festeggiare Roberto Franco, scrittore e “geologo umanista”, gangitano D.O.C, e il suo “La Geologia nella Divina Commedia“, pubblicato dalla Vertigo Edizioni, proclamato vincitore del 2° premio, sezione saggistica, nel Concorso Internazionale “Città di Castrovillari” – Poesia, Prosa, Arti figurative e Teatro. La Giuria ha premiato l’ opera con la seguente motivazione: «Il saggio si segnala per l’originalità del tema di approfondimento dell’opera di Dante e per l’eleganza della scrittura che riesce a raccontare una peculiarità della Divina Commedia: il tentativo di capire il mondo osservando la natura. L’autore, profondo conoscitore e appassionato lettore di Dante, ci racconta la meraviglia e l’emozione della poetica dantesca, anche allorquando indaga e analizza la fenomenologia scientifica. Il lettore riesce così a percorrere una storia, piacevole ed emozionante, che parla di geologia, ma in senso lato dell’avventura della conoscenza». La cerimonia di premiazione si è svolta nel pomeriggio di sabato 9 giugno nella Sala Teatro Khoreia 2000, gremita di pubblico ed è stata magistralmente presentata dalla giornalista Annarita Cardamone. L’evento, come hanno dichiarato, fra l’altro, nei saluti istituzionali, Vincenzo Tamburi, assessore provinciale alle Politiche sociali e Pari opportunità e Domenico Lo Polito, sindaco di Castrovillari, «sta rilanciando in Italia un nuovo fermento letterario».

 

La Geologia nella Divina Commedia

Con “La Geologia nella Divina Commedia”, vi ritroverete a passeggiare nei mondi Danteschi: ammirerete montagne, pianure, fiumi, torrenti, scoprirete essere non frutto di fantasia, ma di realtà e ascolterete, non spaventati l’eco dei terremoti. Sarete trasportati in un tempo senza tempo e in uno spazio che, pur non appartenendo all’oggi, grazie allo scrittore lo diventano. Roberto Franco, con il dono di rendere comprensibile anche ciò che per i profani potrebbe non esserlo, immette in ingressi di paesaggi “altri”, rivelando un Dante scienziato, oltre che letterato. Diventerete protagonisti di questo viaggio magnifico e immaginifico che, osservato a scuola quasi con timore e tremore, vorreste continuare, adesso, all’infinito.

 

 

 

 

Roberto Franco

Giuseppe Gisotti, Presidente Onorario della Società Italiana di Geologia Ambientale, nella prefazione così lo racconta: “Penso che il titolo sia in questo caso riduttivo, data la vastità degli argomenti trattati. Grazie ad uno stile fluido e bene articolato e alla profonda conoscenza dell’opera, l’Autore riesce a sorprendere per la facilità con la quale cattura l’interesse del lettore conducendolo, passo dopo passo, attraverso questo affascinante viaggio ultraterreno, ama anche umano e storico-scientifico“. Roberto Franco, rivolgendosi, al lettore, così lo descrive: “Scalerete montagne e attraverserete pianure, passerete fiumi e torrenti, le vostre mani accarezzeranno cascatelle di pietre preziose mentre ascolterete il boato cupo dei terremoti. Sarà u viaggio intenso e stupefacente“.

Le quasi cinquecento opere letterarie e artistiche, pervenute da tutta Italia e dall’estero, in un primo momento, sono state valutate da un comitato di lettori qualificati ed eterogenei e poi da una Giuria tecnica costituita dal Presidente, avvocato Lucio Rende, da Ines Ferrante (Presidente dell’Associazione Mystica Calabria), da Angela Micieli (Presidente dell’Associazione Khoreia 2000) e da Rosy Parrotta, Regista teatrale. «La qualità delle numerose opere pervenute – ha dichiarato il Presidente della Giuria – è stata di una straordinaria importanza e la scelta non è stata alquanto semplice». Il prestigioso riconoscimento letterario è stato ideato e organizzato dalle Associazioni culturali Khoreia 2000 e Mystica Calabria, con il patrocinio del Comune di Castrovillari.

Articolo precedente

"Casa è ovunque io vada". Eleonora Lambo conquista primo premio al concorso "La mia Europa"

Ustica
Articolo successivo

Isola di .... vino, a Ustica al via “No limits Wine & Diving”

Giusi Patti

Giusi Patti

Mi chiamo Giusi Patti, ma sono anche la Dottoressa Pattin, Giuseisha e Patti Holmes. Una e tante. Mi definisco un "complesso", anzi un condominio di donne che coabitano pacificamente. La prima, l'originale, è laureata in filosofia; la seconda è una studiosa, specializzata in "uomini e donne d-istruzioni per l'uso"; la terza è una guru del sorriso e la quarta, infine, un'indagatrice. Tutte, proprio tutte, sono legate da un fil rouge che è l'amore per i viaggi fatti e in sognati, ma sempre conditi da miti e leggende. Chiedetemi e cercherò di soddisfare ogni vostra curiosità con pensieri parole opere e mai omissioni. Parola mia.

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *