Sapori

Cinque oli siciliani tra i migliori al mondo: ecco quali sono

Sapori unici, grande varietà di cultivar e una terra speciale, coltivata con scienza e passione: è la combinazione magica, l’alchimia che rende l’oro verde siciliano, l’olio extravergine, un prodotto di altissima qualità.

L’ultima conferma arriva dall’Olive Oil Award. Una competizione tra produttori del settore che si svolge nel salone Biofach di Norimberga tra delle più importanti fiere dedicate all’alimentazione biologica.

Selezionati dopo un’attenta valutazione dell’assessorato alle Attività produttive della Regione, i prodotti locali, sottolinea Michelangelo Terrazzino – che ha ereditato dal padre Raffaele l’amore per l’agricoltura-, «sono stati votati e premiati dai consumatori, a conferma che l’olio del nostro territorio riesce ormai nel difficile compito di mettere d’accordo gli esperti del settore e il grande pubblico».

Accanto alla nota coltivazione di mandorle, vendute alle migliori gelaterie d’Italia, da due anni i Terrazzino hanno cominciato a produrre extravergine biologico.

Un blend di Nocellara del Belice e Biancolilla. Da qualche tempo stanno iniziando a commercializzare il loro olio all’estero, partendo dalla Cina. Qui, hanno già ottenuto riscontri. L’obiettivo, spiega Michelangelo, «è di crescere e avere lo stesso successo che abbiamo avuto con le nostre mandorle. E questo guardando soprattutto fuori dalla Sicilia, visto che qui da noi il concetto di olio biologico non ha ancora attecchito».

E al mercato estero, dal Giappone alla Corea del Sud, dalla Germania al Canada, si rivolge anche Salvatore Diliberto.

Produttore premiato al Biotech per l’olio di Moresca prodotto dall’Arkè. L’impresa di famiglia nel 2003 ha ampliato con frantoio e magazzino per l’imbottigliamento. «Oggi controlliamo tutta la filiera- racconta Salvatore – dal raccolto alla bottiglia. Lavorando le olive con molitura immediata per garantire qualità. Vendiamo soprattutto nel canale gourmet. Ristoranti di fascia alta, ma pochissimo in Sicilia, perché qui c’è la cattiva abitudine di ritardare i pagamenti».

Anche Salvatore Cutrera, insieme alle sorelle dell’omonima azienda, gestisce una delle più grandi e antiche della Sicilia.

Già vincitrice di 350 premi internazionali, esporta ogni anno l’olio biologico ricavato da Tonda Iblea in oltre 45 Paesi. Germania, Inghilterra, Usa e Canada. Principalmente per l’alta ristorazione, anche se da qualche tempo abbiamo agganciato la Grande distribuzione italiana, ma solo quella di qualità».

Puntare tutto sull’eccellenza è lo stesso imperativo della Val Paradiso. 

Nei 100 ettari «coltivati in totale regime ecosostenibile» si produce Nocellara del Belice, Cerasuola, Biancolilla e Coratina da cui ricava un extravergine a presidio slow food.

E poi c’è Salvo Scuderi, che nella sua tenuta Vasadonna ha realizzato il sogno del nonno.

«L’olio da “Custera” – afferma – realizzato con olive coltivate sulle colline etnee, un luogo perfetto per esposizione e composizione del terreno ridà vita al territorio ed alla memoria. Oggi produco extravergine bio di Nocellara Etnea e Messinese, destinato soprattutto al commercio di nicchia, in particolare alle olioteche del Nord Italia».

FONTE www.gds.it 

Articolo precedente

Turismo sostenibile tra Caltanissetta ed Agrigento. Quattro itinerari firmati dall'Aics

oroscopo
Articolo successivo

L'oroscopo "musicale" di Patti Fox dal 26 febbraio al 4 marzo

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *