Itinerari

Cammini religiosi, tra vecchi e nuovi ecco i percorsi in Sicilia

Per fede o semplicemente per passione; spinti da un motivo legato alla sfera personale o perché amanti del trekking. Sempre più siciliani partecipano ai diversi cammini religiosi. Itinerari finanziati dall’Assessorato regionale al Turismo nell’ambito del progetto regionale “Culto & Cultura, progettazione e realizzazione di itinerari per la valorizzazione del turismo religioso”. Adesso c’è un nuovo elenco di cammini a seguito dell’aggiunta di nuovi itinerari.

Ma ecco l’elenco aggiornato:

Culti e Culture negli Iblei. Un percorso che coinvolge Comiso, Santa Croce Camerina, Scicli, Modica, Ragusa, Ispica e Noto e che serve a valorizzare i luoghi di culto e le feste religiose.

Da Solunto ai Monti Sicani. Un itinerario che unisce il mare, riserve naturali e le tradizioni. Ne fanno parte Ciminna, Ventimiglia, Santa Flavia, Mezzojuso, il santuario Santa Fortunata a Baucina e il santuario della Madonna della Milicia di Altavilla.

Dai Tindaridi alla Madonna Nera. Tra fede e leggende, un cammino che si snoda sui Nebrodi sulle tracce della devozione alla Madonna Nera.

La Lava dei Miracoli. Itinerari sull’Etna dove si sono verificati avvenimenti miracolosi testimoniati dai racconti ecclesiastici e storici, e “i miracoli della lava” che valorizza l’artigianato realizzato con la pietra lavica.

Itinerari Religiosi e Culturali. Un tratto regionale collegato alla rete eurobike.

Itinerari e cammini sulla Via Francigena delle Madonie. Il percorso principia dalla chiesa di Santa Cristina la Vetere, tra le più belle ed antiche di Palermo, per poi raggiungere le Madonie passando per le Petralie, Polizzi Generosa e Gangi.

Itinerari di fede e cultura: alla scoperta di Monreale e dintorni. Una rete di operatori pubblici e privati tra Monreale e Piana degli Albanesi ideata per valorizzazione dei beni di interesse storico–religioso.

I camminamenti del venerabile Servo di Dio Don Francesco Paolo Gravina Principe di Palagonia e Lercara Friddi. Questo itinerario è dedicato alla scoperta di una figura storica che dedicò la vita agli altri e alla carità: il Servo di Dio don Francesco Paolo Gravina Principe di Palagonia e Lercara Friddi.

Il cammino di San Filippo. La riscoperta di tesori di Jaci S. Antonio e S. Filippo. Un viaggio alla scoperta di Limina, Calatabiano, S. Venerina, Aci Sant’Antonio, Aci Catena, Valverde e Agira.

I cammini francescani in Sicilia. Il percorso, che raggruppa luoghi dove forte è la presenza francescana, racchiude sei comuni tra la Val di Mazara, la Val Demone e la Val di Noto. Meravigliosi percorsi alla scoperta di conventi francescani.

Gratia Plena. L’itinerario è legato ad progetto curato dall’arcidiocesi di Messina, Lipari e Santa Lucia del Mela. Messi in relazione santuari, riti, e le opere architettoniche legate al culto mariano.

Magna Via Francigena tra Palermo ed Agrigento sulle orme dei pellegrini. E’ di sicuro la più famosa, e tra le più antiche. Omaggio ad una delle strade medievali dei pellegrini. Ben 160 chilometri tra la costa e l’entroterra siciliano.

Vie Micaeliche e dei Santi Patroni di Sicilia. Si tratta di un percorso che si snoda tra le province di Catania, Siracusa e Ragusa.

 

(foto di copertina da Sicilymag)

Articolo precedente

American Idiot, il musical che racconta la generazione delle Torri Gemelle

Articolo successivo

Birre artigianali, a Catania il festival più grande del sud Italia

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *