Itinerari

Alla scoperta dell’Etna e dei Monti Sartorius

Un’escursione alla scoperta dell’Etna ed in particolare dei Monti Sartorius. 

Escursione ad anello nell’area dei Monti Sartorius , antichi crateri formatisi nella colata lavica del 1865.

Questo sentiero, tra i più suggestivi e frequentati del territorio del Parco, è localizzato nel versante nord est dell’Etna. A poche centinaia di metri dallo storico Rifugio Citelli del C.A.I., in territorio di Sant’Alfio, recentemente ristrutturato e reso fruibile dall’Ente Parco.
Il percorso, che riveste eccezionale interesse sia dal punto di vista geologico che botanico, si snoda ad anello a partire dalla sbarra forestale posta a quota 1.660 m. slm per circa quattro chilometri.

Lungo il sentiero, che presenta 6 punti di osservazione, si incontrano radure ricche di specie endemiche. La Festuca e Poa – Graminacee; cespi odorosi di Tanaceto e pulvini di Spino Santo Astragalus Siculus Biv.; Camomilla, Saponaria e Romice dell’Etna.

“Bombe” vulcaniche di notevoli dimensioni e formazioni boschive dominate dalle betulle (Betula aetnensis). Si può ammirare il Monte Frumento delle Cocazze, che con i suoi m. 2.151 slm rappresenta uno dei più grandi coni avventizi dell’Etna.
Il grande interesse geologico è invece rappresentato dalla imponente colata lavica del 1865, che ha dato origine ai Monti Sartorius (in onore e a memoria dello studioso Sartorius von Walterhausen, che fu tra i primi a riportare cartograficamente le più importanti eruzioni dell’Etna), caratterizzati dal tipico allineamento “a bottoniera” dei conetti eruttivi.
La maestosa colata di estende per circa otto chilometri quadrati, con uno spessore medio delle lave di oltre 12 m; la morfologia superficiale è molto accidentata per la presenza di lave e blocchi scoriacei a spigoli vivi su cui sarà bene, camminando, prestare particolare attenzione.

Ma ecco le informazioni tecniche per l’escursione.

Impegno Tecnico: Medio
Quota più alta: 1819 m
Quota più bassa: 1669 m
Lunghezza del percorso: 10,400 km
Difficoltà E, su sterrata

La partecipazione all’escursione è volontaria e sotto la propria responsabilità. Ogni partecipante solleva da qualsiasi responsabilità inerente alla partecipazione della stessa , gli organizzatori dell’evento , autorizzando inoltre la pubblicazione di foto della propria immagine scattate durante l’escursione.

La stessa escursione è organizzata per gli iscritti all’associazione Camminare i Peloritani per i non iscritti al momento della partenza dovranno compilare un modulo di liberatoria e versare un contributo di 5 euro per l’associazione.

1 °Appuntamento: ore 6,45 presso Farmacia Crimi di Gravitelli
2° appuntamento ore 7,45 uscita autostradale di Giarre.

Articolo precedente

Un francobollo celebra Grammichele, il paese dalle piazze esagonali

Articolo successivo

Sundays Festival: un’esperienza unica sulle rive del Lago Rosamarina

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *