Itinerari

Un regalo per le donne? Una visita gratuita alla Palazzina cinese

La visita alla Palazzina cinese gratis per le donneIn occasione della ricorrenza della Festa delle Donne, la guida turistica Loredana Cannova, ha lanciato una interessante iniziativa: offrire un delizioso omaggio turistico alle donne.

Appunto una visita guidata gratuita solo per donne alla Palazzina cinese, la Residenza reale borbonica più originale d’Europa, da poco restaurata e visitabile fino al terzo ed ultimo piano.
L’appuntamento è per l’8 marzo alla Palazzina Cinese alle 15,30. Per prenotare la visita basta chiamare il numero 3200787880.

Storia della Palazzina Cinese

Fu realizzata da Giuseppe Venanzio Marvuglia a partire dal 1799 su commissione di Ferdinando III di Sicilia che aveva acquistato una casa in stile cinese dal barone Benedetto Lombardo, insieme a terreni confinanti ad alcuni locali. Il Marvuglia, che era l’autore dell’edificio precedente, realizzò l’opera mantenendo lo stile orientale: il corpo centrale termina in alto con un tetto a pagoda, sorretto da un tamburo ottagonale. Al piano terreno si trovano porticati ad arco ogivali e nei due fianchi ci sono torrette con scale elicoidali a giorno, opera costruita dal Capomaestro Giuseppe Patricolo, ma progettata verosimilmente dal figlio di Marvuglia, Alessandro Emmanuele. La costruzione presenta curiosi elementi: i campanelli della grata di ingresso, le travi in legno intagliato delle terrazze e gli smerli.

Gli appartamenti sono distribuiti su tre piani. Nel seminterrato si trovano la sala da ballo e la saletta delle udienze decorate tutte da Giuseppe Velasquez. Si sale al primo piano con una scala esterna, là si trovano il salone dei ricevimenti in stile cinese con pannelli in stoffa dipinti anche dal Riolo, la sala da pranzo con l’ingegnosa “tavola matematica” del Marvuglia e la camera da letto del Re con la volta dipinta in stile cinese dal Codardi e dal Velasquez.

Al secondo piano si trovava l’appartamento della Regina Maria Carolina con due salette di ricevimento e la camera da letto con lo spogliatoio. All’ultimo livello si trova una grande terrazza di forma ottagonale coperta a pagoda con soffitto decorato dal Silvestri. Nel 1800 si sistemò il giardino sul retro e Giuseppe Patricolo curò il “tempietto cinese”. G. Durante eseguì la “flora all’italiana”, vasche di marmo bianco con grotte naturali alla cinese.

Nel periodo 1800-1806 vennero realizzati i due padiglioni dei cacciatori reali. Con l’Unità d’Italia (1861-1946) la Palazzina e il Parco passarono alla Corona Sabauda e poi allo Stato; divenuti proprietà del Comune il Parco e la Palazzina furono destinati alle visite dei turisti mentre nelle dipendenze trovava posto il Museo Pitrè. Più tardi le scuderie alloggiarono il Museo Agricolo. Non è accessibile a i disabili a nessun livello.

Articolo precedente

Woman in Art. Ad Agrigento la creatività celebra la donna

Articolo successivo

San Biagio Platani, visita notturna al laboratorio degli Archi di Pasqua

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *