ItinerariNews

“I feel Slovenia”. Lubiana crea un ponte culturale con Palermo e la Sicilia

“Alla scoperta della Slovenia”. Palazzo Francavilla a Palermo ha fatto da cornice alla presentazione, da parte dell’Ente Sloveno per il turismo, di una nuova offerta turistica che crea un ponte tra Lubiana e la Sicilia.

Gli interventi che si sono succeduti nel corso della conferenza stampa, e che hanno messo in luce le grandi potenzialità turistiche di questa terra da favola, hanno voluto lanciare “una boutique destination” che da quest’anno sarà ancora più vicina alla Sicilia, grazie al rinnovato impegno dell’Ente Sloveno per il Turismo in Italia nella promozione del territorio, in collaborazione con il Gruppo Hit, operatore leader nei settori dell’hôtellerie e dell’intrattenimento, la città di Lubiana e le Grotte di Postumia.

Alla base dell’operazione, la costruzione di un “ponte culturale” tra Palermo, Capitale italiana della Cultura 2018, e la Slovenia che entra, con l’orgoglio della propria eredità culturale e della creatività moderna, che la distingue nel mondo, nell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018.

Molteplici gli itinerari turistici volti a promuovere i tesori storico/artistici del Paese e dei suoi 5 siti Unesco: le Grotte di San Canziano, con il canyon sotterraneo fluviale; la foresta vergine di Krokar con il Monte Nevoso Zdrocle, Idria e la miniera di mercurio; la palude di Lubiana, legata all’antica civiltà palafitticola e, infine, la “Passione di Skofja Loka”, rappresentazione storica che si tiene ogni 6 anni nel centro medievale della cittadina e coinvolge più di 900 membri della locale compagnia teatrale.

Aljoša Ota, Direttore Ente Sloveno del Turismo in Italia, ha dichiarato: “Abbiamo scelto Palermo per presentare le nostre eccellenze. La nostra formula di accoglienza, unica in Europa, è orientata allo sviluppo di un modello di turismo sostenibile, a contatto diretto con la natura. La Slovenia offre innumerevoli spunti per vacanze alternative 365 giorni l’anno, anche in località meno note, fuori dai circuiti tradizionali”.

Tante le iniziative in programma per agevolare i flussi turistici dalla Sicilia, a cominciare da un transfer gratuito per l’aeroporto di Palermo, finanziato dal Gruppo Hit in collaborazione con l’Ente Sloveno per il Turismo in Italia. Il servizio, operativo da giovedì 1 marzo fino al 31 dicembre 2018, con opzione di estensione nel 2019, sarà riservato ai turisti siciliani che acquisteranno i pacchetti vacanze di Propaganda Viaggi, agenzia palermitana specializzata da anni nello sviluppo di proposte legate alla Slovenia e infopoint del Gruppo Hit per il mercato siciliano. Il bus, riconoscibile per la livrea interamente dedicata alle destinazioni iconiche della Slovenia, avrà anche lo scopo di portare sulle strade di Palermo, Catania e Trapani, un vero e proprio concentrato di tutto ciò che il paese offre.

Nell’ambito dell’offerta turistica a rappresentare il Gruppo Hit, presente in tutti gli angoli della Slovenia con i suoi resort, che integrano Hotel e Casinò e svolge un ruolo di primo piano nei settori dell’accoglienza alberghiera e dell’intrattenimento, Suzana Pavlin, sales promotion manager, che ci ha condotto da Nova Gorica, frizzante e cosmopolita, a Kranjska Gora, nota stazione sciistica che ospita ogni anno le gare della Coppa del Mondo di sci e di salto con gli sci, da Maribor, nel cuore dei distretti vinicoli della Stiria, a Rogaška Slatina, centro termale tra i più antichi e importanti dell’intero Paese.

Tante le novità annunciate per il 2018 dal Gruppo Hit, tra cui il potenziamento dell’offerta alberghiera di Krajska Gora che prevede il restyling, entro settembre, del Korona Casinò & Hotel, con la scelta di materiali eco-sostenibili tipici dell’ambiente alpino, come legno e pietra; l’ampliamento delle cucine e del ristorante e l’apertura di una SPA. Previsto anche un incremento della superficie del casinò, che arriverà ad ospitare 420 slot machine e 19 tavoli. Anche il Perla Casinò & Hotel di Nova Gorica moltiplicherà le occasioni di divertimento con la nuova discoteca, l’offerta di show e concerti con star italiane della musica e dello spettacolo.

Dopo le proposte del Gruppo Hit, ha preso la parola Tjaša Perhavec, in rappresentanza de “Le Grotte di Postumia“, una delle maggiori attrazioni della Slovenia, a pochi km dal confine italiano, autentico capolavoro di Madre Natura, capace di regalare emozioni senza fiato. Le Grotte, scoperte nel 1818 ad opera di Luka Čeč, festeggiano 200 anni e si visitano a bordo di un treno accessibile anche ai disabili che attraversa un percorso sotterraneo di straordinaria bellezza: 5 km di gallerie tra stalattiti, caverne e altri capolavori creati dall’acqua nel corso dei secoli. Tra i fenomeni carsici più importanti, “il Brillante”, una stalagmite alta 5 metri; ma la vera star delle Grotte di Postumia è senz’altro il proteo, animale endemico, piccolo draghetto rosa che riesce a non mangiare per dieci anni. A soli 9 km dalle Grotte, altro luogo da visitare è il castello di Predjama, famoso come il castello della grotta più grande del mondo.

Infine, a raccontarci Ljubjana, che celebra nel 2018 un doppio anniversario legato alla cultura, il centenario della fondazione della Galleria Nazionale, principale museo d’arte antica slovena, e il centenario della morte di Ivan Cankar, noto scrittore e poeta, Maja Slivnjak, responsabile ufficio stampa dell’Ente per il Turismo Sloveno in Italia. Proprio in omaggio al protagonista della letteratura slovena e ad altri due grandi nomi dell’epoca, l’architetto Jože Plečnik, che diede il volto attuale a Ljubjana ed il pioniere dell’impressionismo sloveno Rihard Jakopič, tutti e tre rimasti nella memoria collettiva per i loro baffi, dal mese di aprile saranno disponibile i “Mustache Tour”, circuiti in bici con guide riconoscibili proprio dai baffi, che i partecipanti potranno richiedere e li porterà alla scoperta del cuore pulsante della città, sulle orme della vita e delle opere di Cankar.

Insignita del titolo di Capitale Verde d’Europa nel 2016, Ljubjana prosegue il suo impegno nello sviluppo sostenibile: a partire da marzo sarà riproposto il trenino elettrico Urban che permetterà ai turisti di muoversi dal Municipio al Castello, dalla sponda della Ljubljanica alla Slovenska Cesta, un tour di circa 90 minuti a emissioni zero. Il processo di dare un’identità verde a Ljubjana, iniziato 10 anni fa con l’attuale sindaco, la mostra, oggi, con un volto nuovo e all’insegna, come tutta la Slovenia d’altronde, di un turismo sostenibile.

A chiudere la conferenza stampa Abramo Grasso, Direttore Tecnico di Propaganda Viaggi, che mostra la percezione della Slovenia da parte dei siciliani che sempre più numerosi la scelgono come meta, restandone affascinati e fidelizzati e Patrizia di Dio, Console Generale Onorario della Repubblica di Slovenia per la Sicilia, che, fiera di rappresentare questa terra e i suoi abitanti, molto vicini a noi per la calorosa accoglienza, auspica una sempre più grande vicinanza tra i due paesi e da parte di Palermo e la Sicilia la voglia di emulare la virtuosità slovena.

I FEEL SLOVENIA!

1
Lubiana
« 1 di 8 »
Articolo precedente

Arte e denuncia nel film di Veneziano. Agrigento ospita la "prima" di "Um baiano pirandelliano"

Articolo successivo

Turismo sostenibile tra Caltanissetta ed Agrigento. Quattro itinerari firmati dall'Aics

Giusi Patti

Giusi Patti

Mi chiamo Giusi Patti, ma sono anche la Dottoressa Pattin, Giuseisha e Patti Holmes. Una e tante. Mi definisco un "complesso", anzi un condominio di donne che coabitano pacificamente. La prima, l'originale, è laureata in filosofia; la seconda è una studiosa, specializzata in "uomini e donne d-istruzioni per l'uso"; la terza è una guru del sorriso e la quarta, infine, un'indagatrice. Tutte, proprio tutte, sono legate da un fil rouge che è l'amore per i viaggi fatti e in sognati, ma sempre conditi da miti e leggende. Chiedetemi e cercherò di soddisfare ogni vostra curiosità con pensieri parole opere e mai omissioni. Parola mia.

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *