BorghiSapori

Cibo e visite guidate: a Pollina arriva la sagra del cinghiale

Cibo e visite guidate, antiche tradizioni e gustosissime ricette. Domani 8 aprile, a Pollina, si fa la festa al cinghiale. Una sagra attesissima quanto gustosa e che arriva alla quarta edizione.

Per la verità la manifestazione era prevista a febbraio ma a causa delle avverse condizioni meteo è stata rinviata a domani.

La manifestazione si svolgerà tra i vicoli e le piazze del borgo madonita, con stand, degustazioni e visite guidate al museo della Manna.
Gli organizzatori, legati al Comune di Pollina, hanno già messo in piedi itinerari alla scoperta della storia di Pollina, tra miti e leggende, passeggiata per i vicoli del paese, degustazione di ‘cudduruni’, preparati per l’occasione dalle donne del paese. Tra gli stand sarà possibile acquistare prodotti enogastronomici e degustare di piatti a base di cinghiale.
Immancabile la degustazione della pasta al sugo di cinghiale. Il Circolo dei cacciatori di Pollina ha già previsto il menu: tagliatelle fatte in case col sugo di cinghiale, salsiccia arrostita sulla brace ed un bel bicchiere di vino rosso delle colline pollinesi.
 
Attesissimo il momento in cui saranno protagoniste le “salsiccette”. Per l’occasione della Sagra verranno prodotte in numero limitato e in via eccezionale delle salsiccette secche prodotte a mano con carne di suino e carne di cinghiale, sapientemente mescolate e speziate con i profumi madoniti. Ottime da gustare intere o affettate per aperitivi o antipasti, sono tra i prodotti tipici tradizionali più difficili da trovare e quindi più ricercati.
Tra i vicoli di Pollina, uno dei tre angoli per la degustazione dei prodotti tipici sarà dedicato alla ricotta e ai formaggi del territorio, prodotti dal latte dei greggi delle Madonie.
Tra i dolci non si potranno perdere  le teste di turco, dolci tipici madoniti, protagonisti di una degustazione pomeridiana durante la sagra. Leggenda vuole che il dolce fu inventato in occasione della sconfitta degli arabi da parte dei normanni, proprio per festeggiare la vittoria di quest’ultimi. A Pollina, invece, è legato al mito dell’amore contrastato tra Donna Polina, normanna, e il principe arabo Ayub. Un dolce, quindi, dedicato al cofondatore di Pollina, Ayub.
IL PROGRAMMA
Ore 9,30, Vendita ticket – Piazza Duomo
Ore 10, alla scoperta dei tesori di Pollina- Visite gratuite guidate
10,30, Apertura stand enogastronomici – via Musotto
10,30, Aperture Botteghe del gusto:
“U cuddruni”, pane fritto e salato della zia Maria – via Ortolano
Ricotta, formaggi e salsiccette da Compare Giuliano – via San Gaetano
Vino cotto di donna Concetta – via Archi
Ore 11, Sfilata storica di Ayub e donna Pulina. Con i musici del magistrato dei quartieri di Piazza Armerina – Da piazza Maddalena al Teatro Pietrarossa
Ore 11,30, show cooking con gli chef Mauro Zito e Jack Giovanni Castiglia – piazza San Pietro
Ore 13, musica folkloristica, canti e balli, degustazione specialità della sagra – via Musotto e Teatro Pietrarossa
Ore 14, degustazione della testa di turco e I giochi dei cinghialotti, animazione per bambini – Teatro Pietrarossa
Ore 15,30, alla scoperta dei tesori di Pollina: visite guidate gratuite
Ore 16, premiazione dei piccoli cinghialotti- Teatro Pietrarossa
Il costo dei ticket per la degustazione è di 5 euro. Il ticket è comprensivo di degustazione di pasta col sugo di cinghiale, panino con salsiccia e bicchiere di vino

Articolo precedente

Expocook Palermo, dal 10 al 12 aprile il salone della ristorazione in Sicilia.

Articolo successivo

Cefalù, il festival Illustramente partner dell'Earth Day 2018

Redazione

Redazione

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *